CALCIO: Vittoria autorevole, del Cariati Calcio a valanga sul Petronà 5-3. Il centravanti Apicelle, autore di una splendida tripletta.

Marcatori: 11’ Astro, 24’ Berlingeri D su rigore, 31’Berlingeri D, 34’Apicella su rigore,47’ Patera Giuseppe, 74’ Gigòiotti, 82’ e 86’ Apicella Petronà: Capellupo 5,Rizzuti 5,5 (70’v Schipani),Muraca 5,5, Carrozza 6,5, Corigliano 5, Trapasso 5,Gigliotti 7,Talarico 6,Pascuzzi 6 (57’Perri 5,5),Berlingeri 7,Berlingeri A 5.All: Iozzo Cariati: Curatolo 5,Patera Francesco 5,5, (58’ Varquez 6),Russo Luciano 5,Leto 7,Risoleo 6,Scarpello 5,5, Patera Giuseppe 7,Bria 6,5,Apicella 7,5,Covello 7,Astro 6.All:Cosentino Antonio. Arbitro : Ferragina di Catanzaro. Il Cariati Calcio a valanga sul Petronà, confermando, così, di meditare in grande e “ regala “ ai numerosi sportivi cariatesi un 5 a 3, che non esprime interamente il notevole volume di gioco espresso sul rettangolo di gioco del Petronà. Sono tre punti che fortificano moralmente la compagine dei copresidenti Rocco Tosto e Giancarlo Greco con un risultato roboante e soprattutto con una prestazione collettiva che va oltre le più rosee aspettative della vigilia. Alla festa dei gol, per la gioia della tifoseria non potevano mancare il gioiellino del collettivo Nunzio Astro, capitan Giuseppe Patera ed il centravanti Apicelle, autore addirittura di una splendida tripletta. Ampia soddisfazione nel clan del Cariati calcio. La sensazione di essere riuscito ad ottenere il massimo, in tempi ristrettissimi,gonfia il petto d’orgoglio del tecnico cariatese; il Cariati visto contro il Petronà, che era reduce da una trasferta vittoriosa, somiglia a quello idealizzato dal tecnico Antonio Cosentino. La vittoria autorevole conseguira sul campo della corazzata Petronà è la consapevolezza di una prestazione quasi impeccabile. Alla viglia della gara,puntualizza Antonio cosentino, nessuno avrebbe scommesso sulla nostra vittoria. Invece tutti gli scettici sono stati costretti a ricredersi. Abbiamo messo, prosegue il mister, il sigillo della vittoria sul finire della gara, ma questo spiega pure qual è la nostra mentalità: giochiamo per la vittoria, senza badare troppo a chi ci troviamo di fronte. Il successo, anche su un campo così difficile e con un avversario scorbutico e “cattivo”, basti citare i duri colpi subìti da Francesco e Giuseppe Patera nonché dal capocannoniere Antonio Covello, non fa che esaltare la superba prestazione di tutti i miei ragazzi.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta