CALCIO: La partita tra PRASAR e Cariati finisce i pareggio e tra gli applausi di tutti

PRASAR 1 – CARIATI 1 Marcatori: 76’ Larosa, 78’ Lombisani PRASAR: Procopio 6, Leone 6, Maiorana 6, Arabia 6, Capicotto 6, (30’ Critelli 6), Caroleo 6,5, De Sio 6,5, Giuliano 6, Larosa 6,5, Soluri 6 (85’ Mauro M.s.v.9), Mauro A 6,5. All: Lanciano CARIATI: Curatolo 6,5, Patera 6 ( 65’ Tranquillo 6), Potrone 6, Montesanto 6, Graziano Ivan 6,5, Scarpello 6 ( 47’ Cristaldi 69), Castrignanò 6,Torchia 6, Apicella 6, Izzo 6 (68’ Russo Antonio 6,5), Lombisani 7. All: Vincenzo Filareti Arbitro: Falcomatà di Reggio Calabria La partita tra PRASAR e Cariati finisce tra gli applausi di tutti, anche sugli spalti tra i tifosi, e con piccoli rimpianti del PRASAR che ha giocato davvero bene, particolarmente nella zona nevralgica del campo, dove hanno primeggiato Arabia, De Sio e Larosa, autore quest’ultimo dell’effimero vantaggio della squadra locale, ma anche con i rimpianti della compagine ospite del Cariati che è riuscito (e non era tanto facile) a costruire quattro nitide ripartenze che sono finite male per l’imprecisione dei propri attaccanti e per l’ottima condizione tecnico-atletica della punta Lombisani, autore del gol –pareggio. Bravi, al termine dei novanta minuti di gioco, tutti i calciatori scesi sul terreno di gioco. Bella partita, ricca di capovolgimenti di fronte, anche se intermezzati da soli due reti, dove tutti i giocatori scesi sul terreno di gioco hanno reso quello che dovevano e potevano esprimere. Il PRASAR di Lanciano ha inanellato il suo quindicesimo risultato positivo stagionale, dimostrando di essere persino all’altezza di ambire a conseguire il diritto a disputare i play off. La compagine del trainer Lanciano, nel corso dei novanta minuti di gioco, ha evidenziato un buon schema di gioco soprattutto nella zona nevralgica del campo, è mancata nelle concretizzazioni, ma anche per la tetragona retroguardia ospite che si è ben disimpegnata. Per quanto concerne la Cariatese bisogna sottolineare che il tecnico Vincenzo Filareti aveva un’urgenza: chiudersi bene, reggere all’offensiva iniziale della compagine di casa, per poi cercare di sfruttare la sua arma migliore, ossia, la rapidità nelle ripartenze dei suoi calciatori. E la compagine del presidente Sabatino Tosto ha recitato perfettamente questa parte. In conclusione il Cariati ha disputato la sua onesta partita, controllando con sufficiente autorità gli attacchi della compagine di casa, non disdegnando pericolose ripartenze con Apicella e Lombisani, ben supportati dal maratoneta Castrignanò e dal sedicenne Antonio Russo, giovane elemento dotato di ottimi numeri. Il pari finale dice, dunque, delle più che dignitose prove delle due compagini, dividendo equamente i meriti ed il punteggio finale. ”Un risultato giusto, puntualizza, a fine gara, il presidente del Cariati Calcio, Sabatino Tosto, che premia i valori espressi sul rettangolo di gioco di Tiriolo dalle due compagini. Partita corretta e ricca di capovolgimenti di fronte; mi preme sottolineare, conclude il presidente del Cariati, Sabatino Tosto, la correttezza degli atleti sul terreno di gioco e soprattutto la squisita accoglienza della dirigenza della squadra di casa nonché della sportività del suo pubblico”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta