Buon compleanno … Giulio

Ancora tanti auguri, mio Caro Giulio, c’è ancora tempo per chiedere la giustizia che meriti!

Caro Giulio,
gli anni passano ma il tuo ricordo, nonché il tuo dramma non si possono assolutamente dimenticare. Oggi ricade il tuo compleanno che rappresenta una ricorrenza triste che inevitabilmente riporta la mente alla tua persona.

Avresti compiuto ben 34 anni e saresti di sicuro proiettato nei tuoi bellissimi e intraprendenti sogni. Riflettere sulla tua vita al presente non è certo facile, ma è un dovere per l’Italia per continuare a ricercare la verità al fianco della tua bellissima e inossidabile famiglia.

La tua persona e il tuo incommensurabile sacrificio sono l’espressione bella delle nostre giovani generazioni. Forti e speranzose dei loro ideali e passioni, una combinazione orgogliosa finalizzata a raggiungere gli obiettivi prefissati.

Sei anni fa in questa giornata eri al Cairo. Avrai festeggiato come ti pareva e avrai segnato quel giorno con il tuo impareggiabile sorriso, così come noi italiani ti abbiamo conosciuto all’indomani della tua drammatica fine.

Dispiace tanto registrare il lungo silenzio dell’Egitto che continua a voler nascondere la verità. Una finzione ingiustificabile che il nostro Paese dovrebbe, a mio parere, far pesare di più nelle sedi opportune con azioni concrete.

La tua storia non può finire così. Meriti una sonora giustizia. Il perdurante silenzio è una sconfitta per tutti gli italiani. Qualcosa che segnerebbe la storia in modo negativo e questo non possiamo permetterlo.

Buon compleanno Giulio. Non ti ho mai conosciuto, ma è come se sentissi che mi fossi familiare come un vecchio amico più piccolo di me di qualche generazione, ma al quale mi sento legato per valori e ambizione.

Ancora tanti auguri, mio Caro Giulio, c’è ancora tempo per chiedere la giustizia che meriti!

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta