Attivismo civico, tutto nasce in modo spontaneo e naturale.

Toc toc … Cariati si risveglia. La primavera é entrata da pochi giorni e nel paese, che si affaccia amabilmente sulla costa ionica, si é avviato un germoglio di attivismo civico. Tutto in modo spontaneo e naturale. In realtà, un processo emulativo sembra conquistare le coscienze di alcuni cariatesi e di tanti altri appassionati del luogo. Un’atmosfera nuova, vissuta anche con la prevedibile diffidenza da parte dei molti. Non bisogna, infatti, pensare che malessere e torpore siano stati spazzati via in un battibaleno. I problemi seri che attanagliano Cariati restano e la loro risoluzione non deve passare in secondo piano. Dunque, la strada che si ha dinanzi é, altresì, lunga, difficile e in salita. L’entusiasmo della gente comune, però, non va frenato, ma padroneggiato e fatto defluire verso comuni obiettivi. C’é una raccomandazione del resto da fare. Tipo non creare delle false illusioni. Il senso civico é un sentimento serio per una comunità, ma occorre conoscere i suoi limiti, i confini e le potenzialità. E’ chiaro che le aspettative sono tante, causa del lungo immobilismo. Se, come già abbiamo ripetuto, l’amministrazione comunale in carica vorrà cogliere il fermento civico, non potrà sottrarsi a riconoscere amministrativamente la significativa interlocuzione con i singoli e con il mondo delle associazioni, che provano a rinsaldare lo spirito civico della comunità. In questa situazione, quindi, il Consiglio comunale dovrà pensare di confrontarsi, allo scopo, perché no, di deliberare un regolamento che codifichi temi, forme, tempi e modalità con le quali capitalizzare la generosa vitalità che sta animando nel basso la collettività. Così si finirà per consolidare un modo diverso di amministrare una piccola e simbolica società, quanto Cariati. Basta credere nel progetto, conquistati da una nuova visone e da un orizzonte diverso. La considerazione con la quale concludo, molto personale, é la seguente: se é vero che la Giunta Sero desidera riprendere il cammino, in parte interrotto da un po’ di tempo a questa parte, dovrà dare, innanzitutto, delle risposte alle criticità di lungo, come di breve periodo. A parole semplici, i conti si faranno molto presto. Come vuole la regola, serve coraggio, sagacia e l’accortezza di dare risposte e di non fare solo annunci. Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta