Altra giornata di lutti per la Calabria falcidiata dagli incidenti stradali

Antonio Alessi di anni ne aveva appena 12 e stava pedalando sulla sua bici a Taurianova, sull’arteria stradale che collega l’ospedale alla città: un’auto è sopraggiunta e l’ha travolto. La lunga traccia della frenata lascia pensare che procedesse a velocità elevata. A nulla sono serviti i soccorsi che il guidatore ha poi prestato al piccolo Antonio. Sempre ieri sono morte anche due ragazze, rimaste coinvolte in diversi incidenti avvenuti lo stesso giorno, mercoledì 16 ottobre. Hanno sbattuto violentemente con la loro Fiat Seicento contro il bordo strada lungo la statale 18 all’altezza di Acquappesa, il paese della provincia di Cosenza nel quale vivevano dopo che la famiglia si era trasferita da Cariati. Erika è stata sbalzata fuori ed è morta sul corpo. Per Maria sei giorni d’agonia, ma poi lo stesso destino amaro, che fa piombare i genitori nell’angoscia più cupa. Per la loro morte ora sono indagate due persone, una delle quali si trova agli arresti. Si trovavano a bordo di una Fiat Uno che dopo l’incidente è stata abbandonata sul posto. Secondo le prime ricostruzioni avrebbe urtato la Seicento delle ragazze, facendola schizzare fuori strada. Poi sarebbero scappati senza soccorrerle.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta