TUMORI, NUOVE GARANZIE UE PER DIAGNOSI

TUMORI, NUOVE GARANZIE UE PER DIAGNOSI PIU’ QUALITA’ SCREENING PER QUELLI COLORETTALI TRA LE CAUSE PI FREQUENTI DI MORTALIT PER CANCRO FONTE: NEWSLETTER DELLA RAPPRESENTANZA EUROPEA IN ITALIA DELLA COMMISSIONE EUROPEA N.1161 3 FEBBRAIO 2011 Nuove linee guida UE sullo screening e sulla diagnosi dei tumori colorettali. Alla vigilia della Giornata mondiale contro il cancro la Commissione ha pubblicato la prima edizione delle linee guida europee sulla garanzia di qualità per lo screening e la diagnosi dei tumori colorettali, che sono tra le forme pi diffuse di tumore. Ogni anno 2,5 milioni di europei sono colpiti da tumori; tale cifra destinata ad aumentare con l’invecchiare della popolazione. I tumori colorettali, tra le forme di tumore pi diffuse, sono tra le cause pi frequenti di mortalità per cancro, e causano 150.000 morti ogni anno. Molte di queste morti potrebbero essere evitate se la malattia fosse diagnosticata nei primi stadi. Un trattamento tempestivo ha infatti maggiori probabilit di successo e minori effetti collaterali. Per questo la Commissione, in collaborazione l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, ha pubblicato le linee guida sullo screening e sulla diagnosi dei tumori colorettali, nelle quali si elencano le migliori pratiche in materia e si definiscono gli standard per una diagnosi efficace. Si prevede che tali linee guida, se applicate correttamente dagli Stati membri, ridurranno del 15% la mortalità per cancro colorettale. Le linee guida esortano infatti gli Stati membri a svolgere controlli sistematici sul settore della popolazione maggiormente a rischio (le persone tra i 50 e i 74 anni di et) e ad migliorare la qualit dei test e dei trattamenti. La piena applicazione delle linee guida richiede una preparazione attenta e una molteplicità di iniziative, che vanno dalla sensibilizzazione sul cancro allo scambio di conoscenze tra esperti dei diversi Stati membri. La Commissione invita dunque gli Stati membri a intraprendere una pianificazione che tenga conto delle linee guida e le adatti alle diverse situazioni nazionali. Al termine di questa fase potr essere lanciata un’iniziativa pilota di monitoraggio, durante la quale si valuterà l’efficacia del programma. Una volta messo a punto il programma e verificatane l’efficacia si potrà quindi estendere il monitoraggio a tutto il territorio nazionale.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta