TRIBUNALE, RITROVARE SUBITO UNITÀ

ROSSANO (Cs) – Giovedì, 7 Giugno 2012 – In questo particolare e delicato momento per le sorti del Tribunale di Rossano, una qualsiasi divisione tra le forze impegnate nella battaglia a tutela del presidio, sarebbe altamente deleteria. Abbiamo bisogno di ritrovare unità, pur consapevoli che le paure provocate dalle continue ed insistenti voci attorno alla reiterata minaccia di chiusura del Palazzo di Giustizia potrebbero innescare facili scoramenti e delusioni. Ma dobbiamo ritrovare, soprattutto ora, il valore corporativistico, perché solo uniti potremo riuscire a raggiungere la meta prefissa. Sono, queste, le parole di sprone che il Sindaco Giuseppe ANTONIOTTI ha rivolto stamani (giovedì, 7 giugno), in un colloquio telefonico, al presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, Serafino TRENTO, affinché ritiri le sue dimissioni dall’alta carica forense e continui ad impegnarsi, con rinnovato entusiasmo, nella vertenza a salvaguardia del Tribunale. Insieme abbiamo avviato questa campagna a tutela del diritto alla legalità e alla sicurezza di questo territorio – afferma il Primo cittadino – e insieme dobbiamo continuare su questa strada, fino alla fine. Anche un piccolo passo indietro da parte di un qualsiasi soggetto istituzionale impegnato in questa causa significherebbe la retrocessione dei nostri principi, delle nostre priorità, ad appannaggio delle prerogative di altre realtà. Non possiamo permettercelo. In questo momento è inutile buttare la spugna. L’unione fa la forza e questa presa di posizione, è in netta controtendenza con tutte le energie finora profuse. Ricordo – aggiunge ANTONIOTTI – che, grazie anche alla collaborazione del presidente TRENTO e del Consiglio dell’Ordine, siamo riusciti ad elaborare il dossier quali-quantitativo illustrativo dei carichi di lavoro del presidio giudiziario rossanese e delle criticità del territorio. Insieme abbiamo avuto modo, da ultimo, di confrontarci con il Governo centrale per esprimere in modo corale le nostre ragioni. Le dimissioni oggi, lo ribadisco, sono una nota stonata all’interno della complessa operazione di salvataggio che finalmente, dopo mesi o forse anni di disaggregazione, ci sta vedendo tutti parlare con una voce sola, ognuno per le proprie competenze e scevri da qualsiasi partigianeria. Ribadisco, con forza e pubblicamente – conclude il Sindaco – il mio invito all’avvocato Serafino TRENTO, perché ritorni nel pieno della sua carica e prosegua, con tutti noi, il cammino che ci porterà a mantenere in vita il Tribunale di Rossano.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta