TERRAVECCHIA: RIDUZIONE E RIMODULAZIONE ORARI UFFICI POSTALI: IL TAR DA’ RAGIONE AI COMUNI

RIDUZIONE E RIMODULAZIONE ORARI UFFICI POSTALI: IL TAR DEL LAZIO DA’ RAGIONE AL COMUNE DI TERRAVECCHIA, LONGOBUCCO, PIETRAPAOLA, LAINO CASTELLO, ALESSANDRIA DEL CARRETTO, NOCARA E PANETTIERI

 

Dopo un lungo iter processuale, iniziato nel 2015 prima innanzi il TAR di Catanzaro e poi proseguito innanzi al TAR del Lazio – Sez. di Roma – i Comuni di Terravecchia, Longobucco, Pietrapaola, Laino Castello, Alessandria del Carretto, Nocara e Panettieri hanno visto riconosciute le proprie ragioni, ottenendo l’annullamento dei provvedimenti con cui Poste Italiane s.p.a. aveva ridotto gli orari del servizio nei piccoli Comuni della provincia di Cosenza.

Le sentenze rese dal TAR Lazio, recependo in pieno le tesi difensive svolte dall’Avv. Carmelo Salerno, hanno stabilito che il servizio postale universale va garantito in ogni ambito territoriale e che ogni rimodulazione della organizzazione degli orari degli uffici va effettuato coinvolgendo preliminarmente i Comuni interessati dalla riduzione di orario o addirittura dalla chiusura degli Uffici.

Con specifico riferimento ai comuni ricorrenti, il TAR del Lazio ha sancito che “la chiusura di un ufficio postale non può essere disposta solo per ragioni di carattere economico e, soprattutto, senza ponderare il pregiudizio alle esigenze degli utenti derivante dalla chiusura dell’ufficio individuando valide soluzioni alternative, a tutela della coesione sociale e territoriale” e che per operare la riorganizzazione e la rimodulazione dell’offerta di un servizio importante e fondamentale come quello postale si deve procedere ad un confronto con gli enti pubblici interessati dagli atti ed in particolare con i Comuni che sono tutori degli interessi generali e pubblici delle collettività che rappresentano.

«Siamo soddisfatti – affermano i sindaci dei sette Comuni della Provincia di Cosenza – per l’annullamento dei provvedimenti di riduzione degli orari degli Uffici Postali che operano nei rispettivi territori comunali che dal 2015, epoca in cui è entrata in vigore la riorganizzazione dell’orario, ha visto fortemente pregiudicata la possibilità dei nostri concittadini di poter fruire adeguatamente di tutti i servizi offerti da Poste Italiane».

«E’ importante peraltro il principio, sostenuto da noi tutti, prospettato dal nostro legale di fiducia avv. Carmelo Salerno nei propri scritti difensivi e recepito in pieno dal TAR Lazio, secondo cui, allorquando si incide in servizi di fondamentale importanza e essenziali per il vivere civile di qualsiasi collettività, i sindaci e gli amministratori degli enti locali, in quanto portatori di interessi pubblici e generali, devono necessariamente essere coinvolti, affinché non si adottino provvedimenti che, in nome del risparmio e del contenimento della spesa pubblica, possano risultare fatali per la stessa sopravvivenza delle comunità, soprattutto quelle più piccole».

«E’ un dato di fatto evidente – proseguono i sindaci del cosentino – che i piccoli comuni ubicati in zone montane e svantaggiate, negli ultimi anni sono destinatari di provvedimenti legislativi, amministrativi ed organizzativi che vanno sempre di più a danneggiare le già precarie condizioni di chi vive nelle piccole comunità. Dalla riorganizzazione della sanità agli investimenti infrastrutturali, dalle scelte in materia di erogazioni di servizi ai meccanismi di distribuzione dei fondi pubblici, i piccoli comuni vengono sempre trascurati, pagando spesso il tributo più elevato in tutte le scelte che dall’alto vengono operate senza coinvolgere minimamente i rappresentati delle piccole comunità».

«Gli abitanti dei piccoli comuni, i sindaci e gli amministratori spesso – anzi quasi sempre – affrontando le quotidiane difficoltà in completa solitudine, senza poter contare sulla vicinanza degli enti pubblici “sovraordinati” di solito più attenti ad assecondare le esigenze e le istanze provenienti da comuni e città a più alta densità abitativa, con ciò favorendo un continuo ed inarrestabile spolpamento delle aree interne e dei comuni montani che, com’è noto a tutti, rappresentano una ricchezza inestimabile per la nostra regione ed il nostro Paese, peraltro stabilito dalla legge 148 del 2017 (c.d “legge sui piccoli Comuni”). L’auspicio è che il principio sancito nel caso di specie dal TAR Lazio, di coinvolgimento dei sindaci nelle scelte che coinvolgono i rispettivi territori, assurga a regola generale nell’operare di tutte le Istituzioni a qualsivoglia livello».

«Un ringraziamento va all’avvocato Carmelo Salerno che ha portato avanti con professionalità le tesi in favore dei Comuni, dimostrando grande sensibilità ed attenzione, politica oltre che professionale, per le ragioni della comunità interessate».

I Sindaci dei Comuni di

Terravecchia

Longobucco

Pietrapaola

 Laino Castello

Alessandria del Carretto

Nocara

Panettieri

 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta