Tagliate le gomme dell’auto di Fausto Sero, ex segretario PD di Cariati.

Brutta sorpresa per Fausto Sero, ex segretario del Pd locale, una vita spesa per la politica: ignoti hanno squarciato due pneumatici della sua auto. Ad accorgersi del vile atto vandalico è stato lo stesso Sero che ha già provveduto a denunciare l’accaduto i carabinieri del posto. Fausto Sero, ovviamente, non sospetti specifici su alcuno, ma punta l’indice contro il clima insalubre, dal punto di vista politico, “che si è creato a Cariati. Certamente non per colpe riconducibile a me o alla mia famiglia”. Il suo impegno politico risale agli anni del Partito comunista italiano, di cui ha seguito tutti i travagliati mutamenti, sino ad approdare al Pd di cui egli è stato responsabile per lungo tempo. “? da un anno che mi sono svincolato”– dice – dalle “cose” locali. Adesso mi occupo, sempre per conto del Pd, di progetti e temi territoriali che investono l’intera questione meridionale. Pur tuttavia non ho mai smesso di perorare la causa della legalità ad ogni costo, anche se mai, per scelta, ho voluto occupare posti di pura gestione della cosa pubblica. Per quanto riguarda la mia attività professionale, svolgo il lavoro con scrupolo, dedizione e grande disponibilità nei confronti dei mie pazienti. Da’altra parte, non ho mai ricevuto alcun tipo di minaccia. Se qualcuno pensa di potermi fermare, ha sbagliato strada, perché certi episodi non solo non m’intimiidoscono, ma mi danno nuova linfa”. Il fatto ha destato stupore ed amarezza in tutta la città. Ad esprimere solidarietà a Fausto Sero è, per primo, il circolo del Partito democratico: “Siamo vicini a Fausto – commenta il segretario Antonio Cosentino – che continuiamo a considerare il “fondatore” del partito a Cariati. Egli, che ha sempre lottato contro le ingiustizie spendendosi per il bene comune, rimane sempre un punto di riferimento per l’intera classe politica cariatese. Condanniamo con fermezza chi pensa di poter intimidire Fausto Sero attraverso volgari gesti che sono lontani dalla nostra concezione di impegno e servizio alla collettività, e confidiamo nelle forze dell’ordine affinché giungano ad individuare non solo gli autori del fattaccio ma, soprattutto, i mandanti”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta