SPRAR, OK COMUNE ACCOGLIENZA 6 MIGRANTI

CHIARELLO: MA NON ABBIAMO STRUTTURE IDONEE. IL SINDACO AL PREFETTO: VICINI A MIGRANTI E CITTADINI

Accoglienza ed integrazione migranti, il Comune  dichiara la propria disponibilità ad aderire al Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati (SPRAR) e ad accogliere N. 6 unità di migranti della tipologia nuclei familiari.

È quanto rende noto il Sindaco Agostino CHIARELLO, in una nota di risposta alla richiesta inoltrata nei giorni scorsi dal Prefetto di Cosenza Gianfranco TOMAO. La Prefettura, come è noto, aveva chiesto ai comuni con popolazione inferiore ai 2000 abitanti (tra cui Campana) di partecipare al progetto SPRAR. 

La decisione – continua il Primo Cittadino – di aderire a tale progetto è stata presa dopo aver ascoltato la comunità anche attraverso l’ultimo consiglio comunale straordinario (tenutosi lo scorso lunedì 20 febbraio), aperto al mondo della Chiesa, al consiglio pastorale e a tutte le associazioni operanti sul territorio proprio per garantire la massima e più diffusa sensibilizzazione al tema.

Nella nota al Prefetto CHIARELLO coglie inoltre l’occasione per sottolineare che il Comune non dispone di strutture idonee all’accoglienza e che, quindi, si attenderanno nuove decisioni da parte della stessa Prefettura su come operare: valutando se indire una manifestazione d’interesse per la locazione di alloggi privati; oppure intervenire sulle strutture di proprietà comunale da mettere a norma, ipotesi nella quale il Sindaco ribadisce la mancanza delle necessarie risorse finanziarie in capo all’ente.

Aderendo allo SPRAR – conclude CHIARELLO – auspichiamo si terrà fede alle rassicurazioni espresse dalla Prefettura in merito al numero dei migranti da accogliere nel territorio comunale. L’Amministrazione Comunale ribadisce, infine, piena fiducia nell’operato del Prefetto e vicinanza sia alle esigenze dei migranti richiedenti asilo che della cittadinanza. – (Fonte: Lenin MONTESANTO – Comunicazione & Lobbying – 3459401195)

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta