Salutata con tanta devozione la statua del pellegrino di Loreto

La Lega Navale di Cariati accoglie la statuetta della Madonna di Loreto, portata dal canoista Roberto Ramponi, della Lega Navale di Porto Recanati. E’ arrivato, al porto di Cariati, Roberto Ramponi,il canoista pellegrino e il suo secondo, Michele Monteverdi, scortati dalla guardia costiera, al comando di Antonio Paparo, coadiuvato dal sottocapo Francesco De Nitto. I due ospiti sono stati accolti dal presidente della Lega Navale Giovanni Cufari e dai collaboratori Domenico Nigro Imperiale, Giorgio Scarpello, Antonio Scalzo, Gaetano Curia, Giovanni Scigliano, Vincenzo Rispoli, Gennaro Madera, Michele Caligiuri e Luigi Santoro, con una festa conviviale di benvenuto, alla quale ha partecipato anche il vicesindaco di Cariati Leonardo Montesanto. Gli ospiti, dopo aver visitato il Borgo Antico di Cariati, sono stati ricevuti, al Palazzo di città, dal sindaco Filippo Sero. La sera, invece, durante l’adorazione eucaristica, tantissimi fedeli sono accorsi, nella chiesa di Cristo Re, per salutare l’arrivo della statua di Loreto. Il parroco don Mosè Cariati ha poi affidato ai navigatori un messaggio scritto da consegnare a Papa Francesco. Il motivo per cui ho iniziato questo viaggio – ci ha confidato Roberto Ramponi- era quello di fare un pellegrinaggio da Papa Francesco. A questa mia idea si è aggiunta quella della Lega Navale di Porto Recanati, di regalare la statuetta della Madonna di Loreto al Papa. Queste due idee hanno dato vita all’impresa che sto compiendo, che unisce due momenti sublimi dell’umanità: la fede e l’attività fisica, cioè lo spirito e il corpo, perché occorre avere una buona preparazione ginnico atletica ed essere un poco marinai per affrontare questo tipo di avventura, sicuramente illuminato da tanta fede. Questa mia idea – conclude il canoista – è nata durante il pontificato di Giovanni Paolo ll, si è, poi, concretizzata, dopo un lungo iter burocratico ed organizzativo, con l’avvento di Papa Bergoglio. Assieme alla statua della Madonna, consegnerò al Papa i tanti messaggi che sto ricevendo dai fedeli che incontro durante questo affascinate percorso.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta