RIFIUTI,SARACENA SI RIVOLGE ALLA MAGISTRATURA

Emergenza rifiuti, impossibilità di conferire presso la discarica di Cassano allo Jonio. Il comune di SARACENA si rivolge alla magistratura. Insieme ai comuni di CIVITA e VACCARIZZO ALBANESE. Il Sindaco Mario Albino GAGLIARDI al TG3 CALABRIA: noi, virtuosi, tra l’incudine delle scelte del Commissario all’Emergenza ambientale e le giuste lagnanze del Comune di Cassano. La protesta portata questa mattina, lunedì 7, in contrada Silva, sede della discarica, dal Sindaco Mario Albino GAGLIARDI ha aperto l’edizione delle 14 del telegiornale di RAI 3. Da una parte il Commissario che ordina che ai 20 comuni che già scaricano i propri rifiuti presso il sito cassanese se ne aggiungano altri 29; dall’altra la protesta del Sindaco PAPASSO che rifiuta che il Comune di Cassano venga considerato come la pattumiera della Calabria; dall’altra ancora i rappresentanti del comitato civico di Cassano che vogliono far sentire la loro voce. Insomma, le comunità avanti con la differenziata e virtuose in tema di gestione responsabile e ciclo corretto dei rifiuti, come, da anni, il Paese del Moscato Passito, dall’emergenza che sta interessando tutta la Calabria, ne escono doppiamente penalizzate. E così non va. Le motivazioni della protesta sono state spiegate alla giornalista Mara MARTELLI dal Primo Cittadino GAGLIARDI, che ha trovato sul posto anche il sostegno dei colleghi sindaci di TREBISACCE, CIVITA e VACCARIZZO ALBANESE, presenti alla manifestazione. Con questi ultimi due, in particolare, GAGLIARDI ha deciso di rivolgersi alla magistratura per la duplice penalizzazione subita. Nella mattinata odierna è stato chiesto, da parte dei Sindaci, anche l’intervento della Prefettura che, però, non ha dato riscontro.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta