SANITÀ, PRESERVARE EQUILIBRIO TERRITORIALE

SANITÀ, PRESERVARE EQUILIBRIO TERRITORIALE – DIMA:NO AD ULTERIORI TAGLI NELL’AREA URBANA – APPELLO RAGIONATO AL COMMISSARIO SCOPELLITI DICHIARAZIONE ON. GIOVANNI DIMA ROMA, Mercoledì 26 Ottobre 2011 – Il processo di riorganizzazione sanitaria nel nostro territorio, con gli ospedali SPOKE di Corigliano e di Rossano, insieme alla conclusione del procedimento per l’assegnazione dei lavori di realizzazione del nuovo Ospedale della Sibaritide, non devono fermarsi né essere inficiate da scelte intermedie e poco sostenibili. La notizia degli ulteriori ed incomprensibili ridimensionamenti che si vorrebbero imporre alla già menomata offerta sanitaria dell’Area Urbana Corigliano-Rossano e del suo hinterland pone interrogativi legittimi; soprattutto alla luce dei pesanti tagli già apportati alla rete esistente, attraverso le riconversioni in atto degli ospedali di Cariati e di Trebisacce. Il numero di 325 posti letto, previsto nell’Atto Aziendale già discusso e politicamente concordato sul territorio, deve continuare a rappresentare la sintesi perfetta di una distribuzione equa tra le due realtà territoriali di Corigliano e Rossano, nella cornice della riorganizzazione ospedaliera della Sibaritide. Ciò in attesa della realizzazione, il cui iter procede spedito, del nuovo Ospedale dell’Area Urbana, funzionalmente baricentrico rispetto ad un territorio più vasto. Sulle finalità e sul metodo perseguiti, sin dall’inizio, dal Presidente SCOPELLITI, abbiamo sempre manifestato condivisione, pur nella consapevolezza che il difficile piano di attuazione comporta, inevitabilmente, tagli e disagi. Il periodo è complesso, ma la via intrapresa era doverosa, per disegnare uno scenario più credibile per questa regione. Eravamo e restiamo, quindi, lealmente disposti ad accettare ed a capire. Ma fino ad un certo punto! Ecco perché non comprendiamo le ragioni sottostanti alle ultime determinazioni che tagliano ulteriormente l’offerta sanitaria tra Rossano e Corigliano e, di conseguenza, nel resto del territorio, di fatto riversatosi su quei due presidi. Riteniamo che questa occasione di rafforzamento territoriale, anche a partire da una nuova e più efficiente rete sanitaria futura, nella quale il nuovo Ospedale della Sibaritide sarà il perno, non debba andare persa. Anzi, vi sono tutte le condizioni per giungere a soluzioni di equilibrio e responsabilità, oggettivamente gestibili rispetto alla domanda territoriale, a garanzia del diritto alla salute di tutti. Per tutte queste ragioni siamo certi che la nostra riflessione, insieme a quelle del Sindaco di Rossano Giuseppe ANTONIOTTI e del Consigliere regionale Giuseppe CAPUTO, unitamente all’appello ragionato, a più voci, che in queste ore sta giungendo al Governatore ed al Commissario SCOPELLITI, da questa area importante della provincia di Cosenza, possa trovare, anche in vista del prossimo consiglio comunale di Rossano dedicato ai problemi della sanità, adeguato ed efficace ascolto nelle sedi competenti.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta