Quattro arresti per incendio di difiuti speciali e furto di legna.

Nel corso degli ultimi giorni i Carabinieri della Compagnia di Rossano hanno intensificato i controlli e i servizi esterni di pattuglia per la prevenzione e la repressione dei reati in genere, in tutta la giurisdizione del comando; l’attività preventiva e repressiva svolta ha permesso di assicurare alla giustizia, in due distinte operazioni di polizia, quattro soggetti per reati vari. Nella prima operazione i Carabinieri della Stazione di Calopezzati, nel corso della serata del 27 febbraio 2015, hanno tratto in arresto I.L.G. 42/enne pregiudicato di Mirto e G.D. 35/enne incensurato di Calopezzati, poiché ritenuti responsabili del reato di concorso nell’incendio di rifiuti speciali. Gli arrestati venivano sorpresi subito dopo che avevano incendiato dei rifiuti speciali, che avevano trasportato e abbandonato su suolo pubblico. Il P.M. di turno, Dr.ssa Simona Manera della Procura della Repubblica di Castrovillari, dopo le formalità di rito, disponeva l’immediata liberazione ai sensi dell’art. 121 delle norme di attuazione del c.p.p.. Nella seconda operazione i Carabinieri della Stazione di Cropalati, nel corso della serata del 28 febbraio 2015, hanno tratto in arresto L.D. 26/enne di Mirto Crosia e M.F.D. 24/enne di Corigliano Calabro, entrambi incensurati, poiché ritenuti responsabili del reato di concorso in furto aggravato di legna. Gli arrestati venivano sorpresi subito dopo che avevano tagliato circa dieci quintali di legna da un fondo privato ed erano intenti a caricarla sui mezzi. I militari restituivano la legna al legittimo proprietario che sporgeva regolare denuncia per il furto. Il P.M. di turno, Dr.ssa Simona Manera della Procura della Repubblica di Castrovillari, dopo le formalità di rito, disponeva l’immediata liberazione ai sensi dell’art. 121 delle norme di attuazione del c.p.p..

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta