Protesta contro la chiusura; appoggiamo, le ragioni per le quali essa è stata messa in atto.

Astenendosi dall’ingerire il cibo, da giorni l’avvocato Mauro Mitidieri e l’ing. Flavio Stasi, che non abbandonano il Tribunale nemmeno di notte, stanno offrendo letteralmente il proprio corpo, sempre più indebolito per la mancanza del nutrimento, alla protesta in atto contro la chiusura del Tribunale di Rossano. Il tutto pacificamente, con un altissimo senso di civiltà, di coscienza interiore e di appartenenza alla comunità. Affamano se stessi in nome di un diritto mancato, di una palese ingiustizia e per amore della Giustizia. Nutriamo il nostro più grande rispetto per tale protesta e soprattutto appoggiamo, come in tante occasioni abbiamo manifestato, le ragioni per le quali essa è stata messa in atto. Confidiamo che le istituzioni competenti e le persone che le presiedono siano presto illuminate e prendano atto dell’errore madornale che è stato compiuto con la previsione della soppressione del Tribunale di Rossano ponendovi il prima possibile rimedio. Allo stesso tempo confidiamo nel rispetto per la vita e per la sua integrale conservazione che certamente muove Mauro e Flavio, ed in nome di ciò chiediamo loro di attenersi alle sollecitazioni dei medici di porre fine al digiuno, che ha senz’altro raggiunto una importante finalità: quella di porre all’attenzione il problema e chiamare la comunità interessata ad unirsi in una reazione pacifica ma forte. Il Presidente

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta