Pesanti critiche per la totale assenza di manutenzione nel cimitero

Fioccano a Cariati vivaci proteste e decise critiche per lo squallido degrado in cui versano le tre aree cimiteriali.Da più tempo i numerosi visitatori giornalieri lamentano l’assoluta mancanza di personale adibito alla manutenzione del luogo sacro,esternando,nel contempo,vibrate e circostanziate proteste verso gli amministratori locali che non prendono le giuste determinazioni per porre fine alla grave ed incresciosa problematica che ha prodotto,in concomitanza delle recenti trascorse festività natalizie,un degrado opprimente.Quello che si presenta agli occhi di chi va ad onorare i propri defunti è uno spettacolo particolarmente indecoroso per una località sacra a tutti i cittadini.Quando si attraversano,ci hanno detto alcuni cittadini,le stradine,i viali, le numerose cappelle,per terra si può trovare di tutto : erbacce,calcinacci,spazzatura sparsa dovunque,fili elettrici,tubi di plastica e di gomma e nei periodi estivi addirittura pericolosi rettili.Manca completamente mano d’opera per la pulizia giornaliera e conseguentemente la normale e necessaria manutenzione.Il luogo sacro è letteralmente abbandonato a se stesso,affermano indistintamente tutti coloro che giornalmente onorano i loro defunti. A copertura di alcuni loculi si vedono pendere pericolosamente addirittura grossi pezzi di carta catramata, messi per evitare infiltrazioni d’acqua piovana che oscurano, tra l’altro, la visibilità degli stessi loculi; in altre zone, ci ha dichiarato la signora Covello Mariarosa, si vedono canalette di scolo d’acqua piovana, in parte divelte e inclinate che oscillano pericolosamente. Tale grave situazione si trascina da diverso tempo, ci puntualizza il pensionato Cataldo Labonia, in maniera temporale da quando è andato in quiescenza il vecchio custode Elgisio Lettieri. Un quadro cosi desolante sta ingenerando nei cittadini un profondo stato d’irritazione, di sdegno, di confusione e di particolare sgomento. Il cimitero incustodito corre anche il serio periocolo che possano verificarsi, sostengono altri visitatori, fenomeni di profanazione dei sepolcri, come è avvenuto nei mesi scorsi. La domanda che si pongono giornalmente molti visitatori: cosa aspetta l’amministrazione comunale a prendere i dovuti provvedimenti al fine di garantire ai cittadini cariatesi il giusto diritto a visitare e venerare i propri defunti nel maggior rispetto possibile?. L’incapacità di gestire un settore cosi religioso, delicato e correlato inevitabilmente anche all’ambiente e all’igiene sta determinando particolarmente anche un danno d’immagine indecoroso del luogo sacro.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta