OSPEDALE, SCUOLA = CITTADINANZA ATTIVA

OSPEDALE, SCUOLA = CITTADINANZA ATTIVA RIVENDICARE DIRITTI FONDAMENTALI È SCUOLA SERO E PERRI: AUGURI AGLI STUDENTI Cariati, Lunedì 13 Settembre 2010 – Anno scolastico 2010-2011, primo giorno all’insegna della cittadinanza attiva per gli studenti di Cariati. SERO e PERRI: “Partecipare alla vita della società in cui si vive manifestando insieme per difendere o rivendicare diritti fondamentali come quello alla salute. Anche questa è scuola”. Dall’Amministrazione Comunale gli auguri di un buon anno scolastico ad alunni, docenti e personale scolastico ed amministrativo. «L’apertura delle scuole – dichiarano il Sindaco Filippo SERO e l’Assessore alla Cultura Cataldo PERRI – coincide con un periodo particolare per la comunità, non solo cariatese, ma interterritoriale. La vicenda ospedale coinvolge, infatti, direttamente o indirettamente, quanti, quotidianamente, si recano, per studio o lavoro, a Cariati. E non solo. Fino ad oggi Cariati ha rappresentato per tanti, dall’entroterra alle cittadine affacciate sul mare, a cavallo tra le due provincie di Cosenza e Crotone, (si parla di 70 Mila abitanti), un vero e proprio punto di riferimento per l’offerta e le prestazioni sanitarie. È per questo che si è avvertita l’esigenza di interessare delle iniziative di protesta in atto, contro l’ipotesi chiusura del presidio ospedaliero “Vittorio Cosentino”, anche le scolaresche che oggi, hanno disertato le aule per prendere parte alla manifestazione di disapprovazione. Partecipazione e cittadinanza attiva sono vocaboli e, insieme nozioni, che ogni cittadino dovrebbe imparare, anche a mettere in pratica. Sin dai banchi di scuola. Agli alunni ed agli insegnanti, agli studenti ed ai professori, a tutti i figli accompagnati dai genitori a scuola ed all’asilo – concludono SERO e PERRI- giunga l’augurio nostro personale e dell’Amministrazione Comunale; un augurio a migliorarsi e migliorare la società di domani».

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta