OSPEDALE, RENDERE NOTI ESITI MISTERIOSA ISPEZIONE

SINDACO: CINQUE STELLE ADESSO CI SOSTENGANO

M5S OGGI FORZA DI GOVERNO. RIAPRA IL COSENTINO

CARIATI (Cs), Mercoledì 23 Gennaio 2019 – Abbiamo appreso nei giorni scorsi che l’ultima tappa nell’ex Ospedale Vittorio COSENTINO, da parte dei rappresentanti di questo territorio in Parlamento è stata nientemeno che una ispezione parlamentare. E che, proprio come le famose ispezioni dell’ex Ministro della Salute Raffaele COSTA in epoca Tangentopoli, non poteva che essere a sorpresa! Ed allora se così è stato, come si è affrettato a definirla il deputato Francesco SAPIA, la comunità di CARIATI ed il territorio sono tenuti a sapere. Soprattutto a distanza di giorni.


Quali sono stati l’obiettivo, l’esito e le conclusioni di questa indagine tanto misteriosa e delicata da tenerne all’oscuro, prima, durante e dopo, il Sindaco che è la massima autorità sanitaria locale, l’Amministrazione Comunale e di fatto la stessa cittadinanza?

È quanto si chiede il Sindaco Filomeno GRECO sottolineando, tuttavia, che al di là della pretesa ed improbabile natura ispettiva dell’ultima escursione dei parlamentari del M5S nella struttura sanitaria (chiusa da anni ed il cui stato è ben noto da tempo allo stesso parlamentare), anche e soprattutto per i metodi isolazionisti preferiti è apparsa solo ed esclusivamente come una delle solite iniziative mediatiche, spinta da motivazioni politiche. Non si capisce altrimenti la violenta presa di posizione del Deputato SAPIA!

 
Le uniche motivazioni che invece ci interessano e giustificano le attività svolte negli ultimi anni dalle istituzioni locali insieme alle cittadinanze dell’intero territorio erano e restano rivolte alla riapertura urgente ed al potenziamento dell’Ospedale di CARIATI e della sanità pubblica locale, senza se e senza ma.

Esigenza chiara e precisa – scandisce la GRECO – che i parlamentari territoriali del M5S oggi sono tenuti non più soltanto a condividere o a sostenere come se fossero all’opposizione o in campagna elettorale permanente ma a portare direttamente nelle stanze del Ministro della Salute, all’attenzione diretta del vicepremier DI MAIO, del Consiglio dei Ministri, della loro maggioranza parlamentare e del nuovo commissario ad acta.

Non è infatti sostenibile né tollerabile – prosegue il Primo Cittadino – pensare di continuare a stare con i piedi in più scarpe, sia al governo del Paese e quindi anche delle politiche sanitarie; e sia nelle piazze ed all’opposizione di se stessi, interpretando a ROMA il ruolo istituzionale di principale forza di governo e nelle periferie, come a CARIATI, la maschera degli urlatori, dei demagoghi e dei movimentisti contro il potere e contro i rappresentanti istituzionali locali, democraticamente eletti.  

I Cinque Stelle – continua – rappresentano oggi esattamente quel potere contro il quale loro stessi, anche da CARIATI nella scorsa campagna elettorale hanno protestato annunciando cambiamenti, anzi rivoluzioni che adesso tutti però vorrebbero iniziare a vedere ed a toccare con mano. A partire – aggiunge – dalla riaffermazione di una sanità pubblica locale di qualità e, quindi, dalla quanto mai necessaria riapertura del Vittorio COSENTINO. Contro la sua chiusura, ingiusta, immotivata, scriteriata e dannosa sia per il diritto alla salute sia per la stessa pretesa riduzione dei costi della sanità pubblica (vanificata ed anzi incrementata con l’emigrazione sanitaria!) ci siamo battuti e continueremo a batterci, senza divisioni, pregiudizi né paraocchi ideologici che non ci appartengono. Sono certa che i parlamentari 5 stelle ci sosterranno e ci aiuteranno ad ottenere la riapertura dell’ospedale pubblico, soprattutto perché questa è stata in passato anche la loro battaglia. Invito quindi il deputato SAPIA – conclude la GRECO – a partecipare insieme al Tavolo Tecnico Sanità agli incontri che ci saranno a breve con il Direttore Generale MAURO, il commissario ad acta COTTICELLI e con il Ministro GRILLO per far in modo che le richieste del territorio possano essere più forti ed accolte nel più breve tempo possibile.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta