OSPEDALE, PREOCCUPAZIONI IN VISTA DELL’ESTATE – IL SINDACO HA RICHIESTO INCONTRO URGENTE A COMMISARIO ASP – SERO: SERVE CONFRONTO ISTITUZIONALE PACATO ED EQUILIBRATO-

OSPEDALE, PREOCCUPAZIONI IN VISTA DELL’ESTATE – IL SINDACO HA RICHIESTO INCONTRO URGENTE A COMMISARIO ASP – SERO: SERVE CONFRONTO ISTITUZIONALE PACATO ED EQUILIBRATO- CARIATI (Cs), Venerdì 17 giugno 2011 – Ospedale Cosentino, serve riavviare un serio confronto istituzionale. Un territorio vasto come il Basso Jonio necessita di un’offerta sanitaria adeguata. Purtroppo oggi non è così e i disagi aumenteranno in vista della stagione estiva, con il prevedibile incremento delle presenze. È, questa, la preoccupazione diffusa della quale si sta facendo interprete, in queste ore, il Sindaco di Cariati Filippo SERO. Lo stesso Primo Cittadino, nella giornata di ieri (Giovedì 16), ha richiesto un incontro urgente al commissario straordinario dell’Asp di Cosenza per condividere con lo stesso l’allarme comprensibile e legittimo diffuso nella popolazione. Non possiamo accettare -dichiara il Sindaco- che si riduca ulteriormente il numero di posti letto ospedalieri, già oggi insufficienti, ancor prima dell’approvazione del piano di rientro sanitario. Le ultime notizie, che in proposito ci giungono dal nosocomio – aggiunge SERO– sono preoccupanti e destano un grande allarme nella comunità. È necessario, dunque, riavviare un confronto istituzionale serio, pacato ed equilibrato. La preoccupazione diventa ancora più grave e fondata in vista dell’imminente stagione turistica, quando gli accessi al Pronto Soccorso di Cariati saliranno dai 40-50 giornalieri – che si registrano ordinariamente – ai 140-150. Confidiamo –conclude il Primo Cittadino– che chi di dovere, a partire dal Commissario Straordinario dell’ASP, tenga nella dovuta considerazione il grido di allarme delle nostre comunità e si attesti su scelte, anche contingenti, che garantiscano la piena funzionalità di in una struttura indispensabile per la tutela della salute dei cittadini di un così vasto territorio.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta