OSPEDALE CARIATI SARA’ RICONVERTITO E NON CHIUSO

CONTRIBUTO MONTESANTO SAS SANITA’: OSPEDALE CARIATI SARA’ RICONVERTITO E NON CHIUSO FONTI: ANSA E AGI – 16 SETTEMBRE 2010 Catanzaro, 16 set. – Si e’ svolto, a Palazzo Alemanni, a Catanzaro, il secondo incontro tra il Presidente della Giunta Regionale Giuseppe Scopelliti ed una delegazione di Sindaci dell’alto Ionio calabrese, giunti a Catanzaro per seguire la vicenda dell’Ospedale di Cariati. Nel corso della riunione – e’ scritto in un comunicato dell’ufficio stampa della Giunta regionale – alla quale hanno preso parte tra gli altri, anche i rappresentanti dell’agenzia Agenas, il sub commissario alla sanita’ Giuseppe Navarria e il Consigliere Regionale Giuseppe Caputo, e’ stato illustrato il piano di riconversione del nosocomio di Cariati, come previsto dal “piano di rientro”. L’Ospedale di Cariati non sara’ quindi chiuso ma, nell’ottica di una complessiva razionalizzazione e miglioramento del servizio sanitario regionale, verra’ riconvertito in una struttura in grado di assistere al meglio l’utenza di competenza, offrendo, altresi’, un potenziamento della rete delle emergenze, con un punto di primo intervento, in grado di assicurare anche un tempestivo trasporto in strutture adeguatamente attrezzate. Dall’incontro e’ emersa l’intenzione di attivare la RSA, la riabilitazione extraospedaliera a ciclo continuo, la dialisi, il centro ambulatoriale specializzato di cardiologia, il poliambulatorio specialistico, ambulatori di ostetricia e ginecologia, chirurgia generale, oculistica, otorinolaringoiatria, urologia, postazione 118, punto di primo intervento h24, elisuperficie, servizi di medicina di base, generale e guardia medica. “Con questa riunione – ha affermato il Presidente della Regione, Scopelliti – abbiamo inteso comunicare ai Sindaci del comprensorio cosa siamo in grado di offrire in termini di un buon servizio sanitario ai cittadini. Il nostro obiettivo, come piu’ volte ribadito in altre sedi e’ quello di puntare ad una sanita’ di qualita’, che tuteli al massimo la salute di tutti i calabresi”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta