OPERAZIONE “PASSI CARRABILI”: NON SERVE FINANZIARIAMENTE

SCONFESSATA LA POLITICA DELLE “CHIACCHIERE” E DELLE “BUGIE” DI QUESTA AMMINISTRAZIONE COMUNALE. ESSA HA “AFFOSSATO” CARIATI ED IL FUTURO DEI SUOI CITTADINI!! INUTILE KILLERAGGIO TRIBUTARIO – FINANZIARIO – AMMINISTRATIVO: SI RIDUCA, PIUTTOSTO, IL COSTO DELL’ACQUA. OPERAZIONE “PASSI CARRABILI”: NON SERVE FINANZIARIAMENTE E GENERERA’ SOLTANTO UNA CONSISTENTE DIMINUZIONE DEI PARCHEGGI CITTADINI! INGIUSTO AUMENTO DI TUTTI I TRIBUTI COMUNALI: L’UDC SI OPPONE A CHI PENSA DI POTER RISOLVERE I PROBLEMI ECONOMICI COMUNALI, SOLO ED ESCLUSIVAMENTE “METTENDO LE MANI IN TASCA AI CARIATESI”! BILANCIO PREVENTIVO 2012 TOTALMENTE INGESSATO E “TAROCCATO”. Ritengo assolutamente illogica e priva di valenza economica e fiscale, come ho già fatto rilevare in Consiglio Comunale, l’intera strategia tributaria e finanziaria della maggioranza comunale. Essa, senza agire sulla riduzione della spesa corrente ed evitabile (aumentata da € 6.726.830,95 del 2011 ad € 8.833.733,58 nel 2012), oggi scarica le proprie inefficienze solo ed esclusivamente sulle tasche dei cittadini, ai quali vengono anche aumentati tutti i tributi. Ai debiti fuori bilancio riconosciuti negli anni 2010 e 2011 se ne sono aggiunti altri nel corso del 2012 per oltre € 1.700.000,00. Altro che politica di contenimento della spesa!!! Ma tutti questi nuovi debiti venuti fuori nel corso del 2012 , chi li ha prodotti? La proclamata falsa riduzione di alcuni fitti passivi, costituisce l’ENNESIMA BUGIA! Essa, infatti, non è dovuta ad alcuna direttiva di questa Amministrazione Comunale, ma scaturisce: A. nel caso del contratto di fitto relativo al CENTRO PER L’IMPIEGO da cessazione per sfratto derivante da morosità. Il Costo di questo contratto di fitto, per di più, avrebbe dovuto essere totalmente a carico della Provincia di Cosenza ed, invece, stranamente, nel corso di questi anni, è stato interamente accollato al Comune di Cariati. B. Nel caso dei locali adibiti a SCUOLE ELEMENTARI di via Stabilimento, la risoluzione contrattuale si è resa necessaria per una consistente riduzione del numero degli alunni, delle classi e quindi per la conseguente chiusura del plesso scolastico. L’Amministrazione Comunale, approvando questo Bilancio di Previsione 2012, ha soltanto spostato, con una operazione contabilmente, politicamente ed eticamente scorretta, sulle generazioni future il pagamento del corposo disavanzo di amministrazione dell’anno 2011 e dei tanti debiti comunali generati sotto la propria gestione, attuando peraltro soltanto la parte più negativa dello stato di dissesto e cioè l’aumento dei tributi locali. L’ipotetico abbattimento dell’IMU per nuove aperture di attività nel Centro Storico, non farebbe altro che favorire pochissimi imprenditori proprietari di immobili e non la maggior parte degli operatori che, nel Borgo Antico, svolgono le proprie attività in fitto. Tale trovata, peraltro, non propone nulla di nuovo, in quanto esiste già un deliberato comunale di qualche anno addietro che va in tale direzione. Come mai, nel corso di questi anni, esso non è stato realmente applicato??? L’aumento IMU di due punti percentuali, è oggi ingiusto ed inutile per il risanamento delle casse comunali poiché, contemporaneamente, comporterà una riduzione dei trasferimenti statali relativi al “Fondo Sperimentale di Riequilibrio” e, perché buona parte dell’incasso derivante da esso andrà a confluire nelle casse dello Stato Centrale. Per tutte queste ragioni, a mio avviso, non ha alcun senso aver stabilito tale innalzamento tributario. È, invece, necessario è giusto trovare il modo di ridurre le Tariffe Idriche, abbattendone il costo del servizio e, di conseguenza, diminuendone il canone fisso ed il costo al MC. Esse, infatti, gravano indistintamente su tutti i cariatesi e su tutti gli operatori economici locali. Ciò è legittimo, anche, in virtù della pessima qualità e della penuria idrica (specialmente in estate) dell’acqua che sgorga dai nostri rubinetti. Mi piacerebbe conoscere, qual è la reale opinione, di qualche importante consigliere di maggioranza, sull’anomala imposizione del costoso pagamento dei “passi carrabili”??? Esso, considerando l’attuale enorme “Buco di Bilancio”, l’attuale fase gestionale, non serve contabilmente e neanche finanziariamente, ma cagionerà, soltanto, una consistente diminuzione dei già esigui parcheggi cittadini (specialmente in estate) ed un accanimento economico verso i cariatesi, con possibile instaurarsi di consistente contenzioso. Se qualche Consigliere di Maggioranza avesse voluto, veramente e spassionatamente, agevolare i cariatesi, indistintamente tutti gli imprenditori e quindi anche quelli del Centro Storico, avrebbe dovuto votare contro questo insensato incremento dei tributi comunali. L’intera Maggioranza Comunale, invece, ha inteso ratificare l’aumento indiscriminato dell’IMU, della TARSU (aumentata del 22%), dell’ACQUA (aumentata in media del 65%), della COSAP (raddoppiata) e dei ticket per la mensa scolastica (passati da € 1,20 ad € 2,00) . I nostri governanti locali si attivino per recuperare, finalmente, i tanti quattrini derivanti dal pagamento alla SO.GE.FIL. dei tributi comunali e, misteriosamente, mai giunti nelle casse comunali e si adoperino per i flussi finanziari che potrebbero scaturire dal recupero sulla grande e ricca evasione tributaria. IL CAPOGRUPPO CONSILIARE (U.D.C. – Cariati ) Francesco Cosentino

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta