Onore a Mario Draghi

Da italiano dico che fanno onore a Draghi le sue dimissioni e l’irrevocabilità delle stesse

Tutti gli italiani conoscono molto bene chi è Mario Draghi e il percorso professionale lungo il quale si è formato a livello nazionale e internazionale. Le sue dimissioni non fanno che confermare la qualità della persona che vuole restare, assolutamente senza snaturarsi.

In un Paese dove non si dimette nessuno, lui ha voluto marcare in modo intelligente il suo modo di essere. E ha fatto molto bene! Infatti, dopo estenuanti mesi di tensioni e oscillazioni – quello che in Italia si chiama fare politica – ha espressamente ritrovato se stesso, mettendo fine al brutto stillicidio.

Draghi sapevamo tutti che doveva ricoprire il ruolo di Presidente del Consiglio dei Ministri tenendosi lontano dalla politica. Questo era il suo ruolo definito e tutti i partiti che hanno sostenuto il suo Governo di unità nazionale erano stati avvisati di non fare brutti scherzi.

Purtroppo, i partiti, o meglio alcuni loro uomini e donne, dopo poco dall’insediamento hanno iniziato a riprendere l’unico modo con il quale sanno fare politica. Quindi, il sistema dei partiti non ha fatto nulla di meno di ciò che ha sempre fatto di negativo, invece di comprendere il vero perché si era arrivati alla scelta di Draghi come Capo del Governo.

Ci saranno giorni durante i quali si susseguiranno infiniti appelli. Da italiano dico che fanno onore a Draghi le sue dimissioni e l’irrevocabilità delle stesse. Al contrario, i partiti traessero frutto del loro tragico momento e si andasse a votare presto, se vogliamo veramente bene al nostro Paese.

Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Views: 1

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta