NO TRIV, QUESTIONE APPRODA A BRUXELES

No alle Trivellazioni sullo Ionio, la battaglia continua, diventa sempre più articolata e raccoglie ulteriori ed importanti adesioni. Dopo l’incontro nella Capitale con il Presidente della Commissione Ambiente del Senato Altero MATTEOLI, la questione approderà presto anche a Bruxelles, al Parlamento Europeo. Grazie all’attenzione dell’Eurodeputato Aldo PATRICELLO del Gruppo del Partito Popolare Europeo membro della commissione per il controllo dei bilanci e della commissione per l’industria, la ricerca e l’energia che ha accolto la richiesta del Sindaco CIMINELLI. Per presentare dettagli e obiettivi dell’iniziativa, lo stesso Primo Cittadino ha indetto una conferenza stampa allargata per SABATO 12 OTTOBRE alle ore 11 presso la Sala Consiliare del Paese della Secca. All’incontro CIMINELLI ha invitato i sindaci dell’arco ionico delle tre regioni coinvolte e la deputazione nazionale e regionale calabrese. Ancora una volta vengono ascoltate ed accolte – spiega il Primo Cittadino – le istanze di cui da mesi ci stiano facendo interpreti. Dopo la proficua audizione a Roma nei giorni scorsi – dice il Sindaco – i nostri sforzi continuano a produrre effetti positivi in una battaglia che è lunga e complessa ma che necessita di spirito unitario. Ci faremo ascoltare – precisa – nella sede autorevole della Commissione Parlamentare Ambiente per portare a conoscenza in quella sede sovranazionale, dello scandaloso tentativo delle multinazionali del petrolio di uccidere definitivamente le attese di sviluppo sostenibile già scritte nel DNA di questo territorio e dell’alto ionio cosentino in particolare. Insieme alle popolazioni non lasceremo che questa scelta catastrofica – chiosa CIMINELLI – possa giungere alle nefaste conseguenze che tutti conosciamo e che ostacoleremo in tutti i modi. Ringrazio l’eurodeputato Aldo PATRICELLO per la sensibilità e l’impegno che sta dimostrando su questa questione di civiltà. -(Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying).

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta