MARIO SERO SULL’EX OSPEDALE DI CARIATI: CONTINUA LA SPOLIAZIONE. È intollerabile quello che sta succedendo.

— UNIONE CIVICA CARIATI NEL CUORE IL CAPOGRUPPO MARIO SERO COMUNICATO STAMPA DEL 24.09.2013 Dal prossimo mese di Ottobre anche i pochissimi servizi attualmente rimasti, in memoria dell’ospedale di Cariati, verranno pressoché azzerati; per volontà dei vertici aziendali il servizio di pronto intervento (già pronto soccorso con oltre 14.000,00 interventi l’anno) verrà notevolmente ridotto in quanto resterà aperto per appena 6 ore al giorno e addirittura chiuso il Sabato e la Domenica di ogni settimana; il laboratorio analisi, ridotto ad un mero punto prelievo, sarà letteralmente smantellato , atteso che, si potranno effettuare prelievi solo per alcuni giorni la settimana ; le analisi, ovviamente, verranno elaborate dal presidio ospedaliero di Rossano; e se a ciò si aggiunge la continua e sistematica “spoliazione” di tutte le attrezzature già in dotazione del glorioso “Vittorio Cosentino”, allora il disegno potrà dirsi veramente completato; inutile, a questo punto, evidenziare la totale indifferenza della classe politica locale, dell’amministrazione e di tutta la maggioranza, impegnata in un’altra opera di spoliazione, ossia, quello del palazzo comunale ; nonostante questo “quadretto desolante” , sento il dovere come capogruppo dell’Unione Civica Cariati Nel Cuore di biasimare i provvedimenti adottati e adottandi da parte dei vertici aziendali che continuano ad “attentare” alla salute di un intero territorio e nella violazione dei più elementari livelli dell’assistenza sanitario; ai vertici aziendali dell’Asp di Cosenza chiedo: a senso ha mantenere un servizio di pronto intervento, a Cariati, per 6 ore al giorno e per 5 giorni alla settimana? Gli abitanti dei comuni ricadenti nell’area dell’ex ospedale di Cariati hanno diritto ad un’assistenza medica H 24? È intollerabile quello che sta succedendo attorno alla sanità calabrese, ma è ancor più intollerabile quanto sta succedendo attorno all’ospedale di Cariati, da sempre al servizio del territorio; ai vertici aziendali dell’Asp di Cosenza, non mi resta che chiedere ,ancora una volta, la revoca delle predette decisioni che diverranno definitive a decorrere dal prossimo mese di Ottobre; nell’amara consapevolezza che , anche questa volta, questo mio appello resterà inascoltato; siamo in Calabria…….. Mario Sero

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta