L’ultimo desiderio di molti, non può essere esaudito.

La Calabria manca ancora di un impianto di cremazione delle salme dei defunti. La Regione della punta dello stivale è tra le ultime Regioni italiane ancora mancante in tal senso. Del resto, laddove qualcuno volesse esaudire le ultime volontà di un familiare, si vede costretto a servirsi della struttura di Bari. Purtroppo, non essendoci neanche un regolamento ufficiale anche se qualcuno volesse prodigarsi nel far cremare la salma di un proprio congiunto fuori Regione, non può successivamente disperdere le sue ceneri come vuole e dove vuole. Diventa per giunta un reato. Infatti, chi chiede ai propri Comuni di residenza le procedure di rito da seguire, gli viene risposto che ciò in loco non è assolutamente possibile. Pertanto, molti familiari restano interdetti anche perché si sentono amareggiati di non poter esplicitare le ultime volontà dei loro cari. In realtà, sembra che in altre parti d’Italia non solo c’è da tempo un impianto di cremazione, ma esiste anche un preciso regolamento che ogni Amministrazione comunale ha fatto proprio. Si spera che prossimamente la lacuna sta per essere colmata, con la costruzione di un impianto dedicato a Catanzaro.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta