LEGITTIMO L’APPALTO PER IL MERCATO ITTICO COMUNALE – IL CONSIGLIO DI STATO ACCOGLIE L’APPELLO DEL COMUNE

Il Consiglio di Stato – Sezione V (Presidente Pajno, estensore Amicuzzi), con sentenza n. 2448/2014 del 13.05.2014, accogliendo integralmente le tesi difensive svolte dall’Avv. Oreste Morcavallo ha accolto il ricorso in appello proposto dal Comune di Cariati avverso la sentenza del TAR Calabria che aveva annullato l’aggiudicazione della gara per i lavori per la realizzazione del Mercato Ittico Comunale. I Fatti. Il Comune di Cariati ha indetto una procedura negoziata per l’affidamento dei lavori di realizzazione dell’opera denominata “Mercato ittico Comunale e servizi di banchina molo sopraflutto – lotto n. 1”, prevedendo, quale criterio di aggiudicazione, quello del prezzo più basso. All’esito delle operazioni di gara, risultava primo in graduatoria il R.T.I. costituito dalla ditta individuale Costruzioni Torchia Cataldo e dalla Tecnoimpianti C.R.E. s.r.l. Con Delibera il Comune, avendo rilevato la mancata esclusione di tre imprese prive di qualificazione nella categoria OG11 (che nemmeno avrebbero fatto ricorso all’avvalimento o alla costituzione di un’A.T.I.), nonché acquisito il parere al riguardo dell’A.V.C.P., ha disposto l’annullamento del verbale di gara, dell’aggiudicazione provvisoria della stessa al Raggruppamento Torchia Cataldo, della lettera di invito alla procedura negoziata, nonché l’indizione di una nuova procedura di gara e la trasmissione di una nuova lettera di invito alla procedura negoziata per l’affidamento di detti lavori. Detti ultimi provvedimenti, sono stati impugnati con ricorso giurisdizionale al T.A.R. Calabria, Catanzaro, dal R.T.I. costituito dalla ditta individuale Costruzioni Torchia Cataldo e dalla Tecnoimpianti C.R.E. s.r.l., corredato da motivi aggiunti per l’annullamento del provvedimento di aggiudicazione definitiva dei lavori in favore dell’A.T.I. tra la ditta individuale Bruno Serafino e Elettrica Sud s.r.l. Con ordinanza n. 126 dell’8 marzo 2012 detto T.A.R. ha concesso la sospensione cautelare dei provvedimenti impugnati. In forza di detta ordinanza, il Comune di Cariati ha adottato il provvedimento, con il quale ha revocato la citata determinazione di annullamento in autotutela della prima gara, nonché tutti gli atti della seconda gara, disponendone l’aggiudicazione provvisoria in favore del R.T.I. tra la ditta individuale Costruzioni Torchia Cataldo e la Tecnoimpianti C.R.E. s.r.l., successivamente divenuta definitiva. Avverso detta ordinanza cautelare n. 126/2012 l’A.T.I. tra la ditta individuale Bruno Serafino e Elettrica Sud s.r.l. ha proposto appello al Consiglio di Stato, che ha accolto il gravame con ordinanza n. 2022/2012. Il Comune di Cariati, preso atto di detta ordinanza del Consiglio di Stato, ha disposto l’assegnazione di nuova efficacia alle delibere di aggiudicazione definitiva in favore dell’A.T.I. tra la ditta individuale Bruno Serafino e Elettrica Sud s.r.l. e l’immediata ripresa dei lavori. Il R.T.I. tra la ditta individuale Costruzioni Torchia Cataldo e la Tecnoimpianti C.R.E. s.r.l. ha impugnato con motivi aggiunti la citata determinazione del Comune di Cariati, ribadendo censure già espresse nei precedenti atti difensivi. Il T.A.R. Calabria, con sentenza ha accolto il ricorso e, ferma restando l’efficacia del contratto già stipulato con l’A.T.I. Bruno, ha condannato il Comune al risarcimento dei danni per circa E. 50,000.00. Con ricorso in appello il Comune di Cariati ha chiesto l’annullamento o la riforma di detta sentenza. Si costituiva in giudizio il R.T.I. costituito dalla ditta individuale Costruzioni Torchia Cataldo e dalla Tecnoimpianti C.R.E. s.r.l., che eccepiva l’inammissibilità per genericità dell’appello, nonché l’infondatezza, concludendo per la conferma della sentenza. Con ordinanza 5 febbraio 2013 n. 447 il Consiglio di Stato accoglieva l’istanza di sospensione della sentenza impugnata, considerato che, ad un primo sommario esame, apparivano sussistere elementi di fondatezza dell’appello con riguardo alla non scomponibilità della categoria OG11. Con sentenza n. 2448/2014, il Consiglio di Stato accoglieva il ricorso del Comune di Cariati, difeso dall’Avv. Morcavallo, stabilendo definitivamente la piena legittimità della gara e l’infondatezza della condanna risarcitoria. Per effetto di tale decisione, quindi, il Comune non dovrà corrispondere alcunché alla ditta poiché è stata riconosciuta corretta la procedura di aggiudicazione seguita per la realizzazione del Mercato Ittico.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta