La ditta dei Servizi ecologici di Giosuè Marchese ha licenziato i 13 netturbini di Cariati

In una nota incolore ma prettamente fredda dell’impresa dei Servizi Ecologici di Marchese Giosuè,di Tarsia si comunica a ben tredici netturbini che “ a partire dal 22/12/2012 cesserà il rapporto lavorativo in essere,essendo già concluso il rapporto con il Comune di Cariati”.Un triste e grave licenziamento alla vigilia delle feste natalizie,che mette letteralmente sul lastrico economico diversi nuclei familiari oltre ad ingolfare la cittadina del basso jonio cosentino,per un lunghissimo periodo di tempo,di cumuli di spazzatura.La motivazione di questa inaspettata determinazione,che potrebbe sfociare in un allarme igienico sanitario per l’intera cittadina ed il suo territorio, da parte dell’impresa Marchese di Tarsia,non può avere altro che una sola causa:l’Amministrazione Comunale di Cariati è in forte debito nei confronti dell’impresa dei servizi ecologici.Si parla di un passivo di oltre 350.000 euro,che aggiunti alla marea di altri debiti nonché a quelli fuori bilancio e non trascritti mettono la cittadina di Cariati in grossissime difficoltà.Da parte dell’Amministrazione nessun comunicato che possa dare chiarimenti.”La situazione che si è venuta a creare a Cariati è soltanto disastrosa.”,afferma il capogruppo della coalizione di “Cariati nel Cuore” Mario Sero.”Prevedendo,già da tempo,una tale drammaticità,prosegue Mario Sero,come minoranza proponemmo al sindaco Filippo Sero ed alla sua maggioranza,l’istituzione di una commissione di controllo e garanzia bipartisan che vigilasse sui conti pubblici ed indicare le strategie da portare avanti,al fine di non affondare in maniera davvero tragica,come si sta tristemente verificando.Per quanto concerne il pesante e grave licenziamento non ci sono scusanti di sorta per il sindaco e la sua giunta.Proporro ai miei colleghi della minoranza un incontro immediato,per poter esaminare a fondo tale grave decisione,al fine di trovare una possibile soluzione”.Sull’invivibile clima che si respira all’interno delle famiglie registriamo un intervento del capogruppo dell’UDC,che esterna la sua piena solidarietà, unitamente ai suoi colleghi della minoranza, ai tredici lavoratori licenziati e alle loro famiglie.”Che il clima non fosse dei migliori a Palazzo Venneri,puntualizza Frncesco Cosentino,si sapeva ormai da diverso tempo.Si respira aria di burrasca su molti versanti,prosegue il consigliere di minoranza;questa maggioranza ha perso il contatto con la realtà dei fatti,con i tanti problemi dei cariatesi e sta evidenziando chiaramente che non è in grado di governare Cariati.Invito l’intera giunta a riconoscere il proprio insucesso amministrativo,conclude Francesco Cosentino, e a comportarsi di conseguenza,come ha fatto alcuni mesi or sono,con un sussulto di orgoglio,l’assessore Sergio Salvati”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta