La commedia “Squarciò” ha divertito ed emozionato gli spettatori

Sabato 2 dicembre scorso, al Teatro comunale di Cariati, si è svolta la seconda serata della Rassegna “Viviteatro”, organizzata dall’Associazione Nella Ciccopiedi col patrocinio del Comune di Cariati.

È stata la volta della compagnia “Camomilla a Colazione” di Visciano (NA), gruppo già noto al pubblico cariatese. La compagnia, con lo spettacolo “Squarciò”, ha confermato la sua bravura e la sua capacità di avvincere ed emozionare gli spettatori. La commedia è ambientata a Napoli, nel contesto di una modesta famiglia napoletana, e racconta in un superbo equilibrio di comicità e tensione emotiva la storia struggente di un ragazzo e del suo rapporto col padre. Il giovane nell’indifferenza di tutti si imbatte nel mondo della Camorra, diventandone inquietante protagonista e inevitabilmente vittima e lasciando i propri cari nell’incredulità e nel più profondo sconforto; l’altro, dopo la tragica fine del figlio, fatica ad elaborare il lutto finché, sentendone la voce, prende coscienza delle vicende che quello ha vissuto e riesce infine a capirlo: i due comunicano così come mai prima, presi dalla superficialità e dall’indifferenza della quotidianità, erano riusciti a fare. Con questa rappresentazione ha preso il via anche il Concorso Viviteatro, competizione che culminerà nella serata di gala del 24 marzo quando sarà annunciato il premio al migliore spettacolo e verranno consegnate diverse menzioni speciali. La serata è stata condotta dalla brillante Miriam Crivaro che da perfetta padrona di casa ha, tra l’altro, ringraziato un competente e calorosissimo pubblico. Il presidente di”Camomilla a colazione”, Felice D’Onofrio, ha ringraziato la “Nella Ciccopiedi” per la perfetta organizzazione, per l’affettuosa ospitalità e per il suo impegno nel diffondere la passione per il Teatro. Il prossimo appuntamento con la rassegna “Viviteatro” è per sabato 9 dicembre con la compagnia “Mario Scarpetta” di Napoli e la commedia “Tre pecore Viziose”. Vi aspettiamo! 

 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta