IO NON BULLO MA BALLO. AL VIA I CORSI PIACE AI SINDACI IL PROGETTO TERSICORE BREAK DANCE, I FRATELLI BRIA OGGI A ROSSANO

IO NON BULLO MA BALLO. AL VIA I CORSI PIACE AI SINDACI IL PROGETTO TERSICORE BREAK DANCE, I FRATELLI BRIA OGGI A ROSSANO ROSSANO (Cs), Venerdì 6 Maggio 2011 – “IO NON BULLO, MA BALLO”, al via i corsi di break dance. Si estende ai comuni del basso jonio cosentino il progetto di sensibilizzazione contro il fenomeno sempre più diffuso del bullismo. Gli atleti-ballerini Davide e Fabio BRIA, oggi a Rossano, presso l’Associazione TERSICORE. Domani, SABATO 7, si parte con CAMPANA, MANDATORICCIO e PIETRAPAOLA. “La sensibilità mostrata dai Sindaci dei Comuni che hanno aderito, quest’anno, al progetto TERSICORE – dichiara l’architetto Francesca FELICE, co-direttrice artistica dell’Associazione culturale – premia, già di per sé, gli organizzatori dell’evento socio-educativo che, dopo il successo della prima edizione, si pone l’obiettivo di duplicare gli ottimi risultati raggiunti. Avere al proprio fianco famiglie e istituzioni stimola ad andare avanti su questa strada. Limitare il fenomeno a partire dalle scuole. Partiamo da qui – aggiunge – perché è uno dei contesti in cui i minori trascorrono la maggior parte del loro tempo e dove maggiormente si diffonde il fenomeno”. Il progetto è realizzato in collaborazione con il CONI e la Provincia di Cosenza. Le 12 lezioni che inizieranno oggi, a Rossano, dalle Ore 17,30 alle Ore 19,30 presso la sede di TERSICORE, in Via G. Gentile, allo Scalo, sono obbligatorie per partecipare al contest, alla sfida finale che si terrà la prossima Domenica 29 Maggio, presso la villa comunale “De Falco”. Le lezioni avranno cadenza settimanale. OGNI MARTEDÌ E VENERDÌ a ROSSANO; OGNI SABATO E DOMENICA presso la scuola di danza “Dance & Fitness” di MANDATORICCIO, la sala polifunzionale di CAMPANA e la sala dell’oratorio di PIETRAPAOLA. “IO NON BULLO, MA BALLO”, in continuità con quanto già realizzato nelle precedenti edizioni prevede tre momenti principali: le lezioni di break dance; il contest (la gara per categorie e la successiva assegnazione della borsa di studio “Alberto DE FALCO – Vittima della criminalità e del dovere”) e, infine, il convegno sul bullismo alla presenza di amministratori, organizzatori ed esperti del settore.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta