Il Cariati, sul campo della capolista, fa vedere bel gioco.

Finisce in parità l'incontro tra la capolista Luzzese ed il Cariati

Luzzese 0 – Cariati 0
Luzzese : Ramunno 7,5, Lantorno 6, Crispino 6, Carbonaro 6, Pepe 6,5, Fabio 5,5 (46’ Provenzano 6), Boscaglia 6, Crescibene 6,5, Tucci 6, De Pascale 5,5 (62’ Costabile 6), Morrone 5 ( 35’ La Canna 6,59). All: Paschetta
Cariati : Pirillo 6, Caniglia 6, Bombarola 6 (72’ Ioele 6), De Giacomo 6,5, Minutolo 6,5, Scarpello 6 ( 67’Fortino G. 6), Monteiro 6,5, Ferrentino 6,5, Campana 6, Sifonetti 6, Labonia 6,5 (46’ Russo 6,5). All: Filareti
Arbitro : Fiore di Paola 7. Collaboratori : Moscato e Vilardi di Paola 7

Finisce in parità il risultato tra la capolista Luzzese ed il Cariati che nessuna delle due compagini voleva alla vigilia.
Obiettivo vittoria per entrambe le compagini e in effetti Luzzese e Cariati non si sono risparmiate, mettendo animo ed offrendo emozioni a getto continuo per l’intero incontro. Tutt’altro che dimessa la squadra di Vincenzo Filareti, quarta in classifica generale ed al settimo risultato utile di fila. Segni concreti e significativi da parte di capitan Aldo Scarpello e compagni che hanno dato, inequivocabilmente, un nuovo segnale della loro forza nonché della loro classe con giocate spumeggianti e piacevoli a vedersi, apprezzate persino dai due cronisti della stessa Luzzese.

Diciamo subito, senza tema di smentita, che il Cariati ha espresso una superba prestazione che avrebbe meritato senz’altro il successo pieno per la mole di gioco evidenziato, per le diverse occasioni create e soprattutto per il gioco essenziale ma piacevole prodotto per l’intero arco dei novanta minuti. Un campionato lusinghiero quello disputato sino ad oggi dalla “matricola Cariati“ che sino ad oggi ha collezionato ben 13 vittorie, sei pareggi e sei sconfitte nonché il quarto posto solitario in classifica. Un cammino che non sorprende l’entourage cariatese, ben consapevole delle potenzialità della propria squadra. Anzi se non fossero stati “buttati dalla finestra troppi punti“, per dirla secondo alcune affermazioni di alcuni appassionati del calcio cariatese, ora il distacco dalle tre battistrada Luzzese, Corigliano e Cotronei, sarebbe stato certamente minore.

Un pareggio, quello con il Cariati, alquanto amaro per la Luzzese che potrebbe costarle la vittoria finale del campionato, visto che la sua antagonista, il Corigliano, non perde un colpo, al cospetto di un Cariati ben messo in campo da Vincenzo Filareti che ha ottenuto il suo obiettivo : “tornare da Luzzi imbattuto“, dimostrando, così, che la sconfitta subìta nel girone di andata sul proprio terreno non era giusta in quanto non rispondeva al vero andamento del gioco.

Aldo Scarpello e compagni resisi conto che l’avversaria Luzzese non era temibile, hanno iniziato a macinare gioco, organizzando la manovra con l’asse Ferrentino-De Giacomo e gli effetti sono stati positivi con Campana, Labonia ed il brasiliano Monteiro messi più volte nelle condizioni di realizzare trovando, però, sulla loro strada un superlativo Ramunno, ancora una volta il migliore dei 22 in campo.

Per meglio illustrare la maiuscola prestazione del Cariati basti riportare l’inizio del servizio del corrispondente locale della Gazzetta del Sud di Luzzi che inizia il suo servizio asserrendo testualmente: “Il Cariati impone il pareggio alla capolista Luzzese. Un Cariati, dunque, ben organizzato a centrocampo e con una difesa di ferro “.
Ancora più espressive le indicazioni sulla partita da parte del corrispondente del Quotidiano che si è così espresso : “i Cariatesi non hanno mai avuto un atteggiamento difensivo, provando sempre a cercare la via del gol tramite buone triangolazioni e lanci precisi. Due chiare occasioni da gol con Labonia e Monteiro di testa. Su quest’ultimo la paratona di Ramunno è da cineteca, un vero spot per il calcio”.

Affermazioni che evidenziano chiaramente la grande prestazione offerta dai ragazzi del trainer Vincenzo Filareti, che legittimano, così,il lusinghiero campionato del Cariati Calcio del presidente Sabatino Tosto, offerto sino ad oggi, a soli cinque gare dal termine del campionato.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta