I giovani Usca, avanti tutta nella battaglia Covid!

I team Usca sono diventati un elemento centrale nella battaglia alla pandemia

I giovani dell’Usca da mesi stanno scalando l‘emergenza Coronavirus aiutando anziani, e non solo, che hanno contratto il virus. Dopo la seconda fase, quando sono andati per le case dei positivi in isolamento con l’obiettivo di verificare come stanno e talvolta per dirgli che dovevano andare in ospedale, adesso sono alle prese anche con la somministrazione dei vaccini.

Sono i team di sanitari che sull’intero territorio nazionale lavorano sotto il coordinamento delle Direzione sanitaria di zona ed insieme ai medici delle cure primarie. La burocrazia non è mai benigna con gli acronimi e il loro significa Unità speciale di continuità assistenziale. 

Le loro storie e il loro instancabile impegno sono un punto di eccellenza della nostra sanità pubblica. In gran parte sono tutti giovani, alcuni appena laureati, che dalla comoda scrivania con i libri si sono ritrovati in una Rsa con anziani a rischio della vita. 

Non è stato facile. Hanno avuto inizialmente anche un po’ di paura perché, come tutti, sapevamo poco del virus. Insomma, hanno anche avuto qualche timore per la loro salute, nonostante a 30 anni non si pensa alla morte e tantomeno che la propria vita possa essere a rischio. 

Per tanti si tratta della prima esperienza professionale ma anche una straordinaria esperienza umana. Visite a domicilio scandite dall’orologio, decine di chilometri macinati ogni giorno per raggiungere tutti i pazienti a casa, tenendo bene in mente che a volte basta la giusta dose di umanità per attenuare la preoccupazione di chi è stato contagiato dal virus. 

I team Usca sono diventati un elemento centrale nella battaglia alla pandemia. Tutti giovani con grande entusiasmo e professionalità, hanno visto cambiare il loro ruolo nella battaglia alla pandemia, diventando un elemento fondamentale non solo nella cura, ma anche nella diagnosi e nell’assistenza ai malati di Covid. Credo che il progetto Usca sia una eredità preziosa di questa tragica pandemia, un modello di lavoro assolutamente prezioso ed efficace. 

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta