FRANCESCO COSENTINO: LO SCORSO 20 AGOSTO SI E’ APPROVATO UN BILANCIO “CRIMINOSO”, “FALSO” E “TAROCCO”.

“RAPINA A MANO ARMATA” APPROVATA NELL’ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE DALLA MAGGIORANZA COMUNALE CHE DIS-AMMINISTRA CARIATI. LO SCORSO 20 AGOSTO SI E’ APPROVATO L’ENNESIMO BILANCIO “CRIMINOSO”, “FALSO” E “TAROCCO”. VOTATI ARTIFICI CONTABILI PER UN TOTALE PARI AD € 7.566.982,21. L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE CARIATESE PERSEVERA IN MANIERA INOPPORTUNA IN UNA GESTIONE AMMINISTRATIVA DA “BANCAROTTA”. AUMENTATNO I DISAGI PER I CITTADINI, MENTRE CARIATI È ALLA RICERCA DI UNA NUOVA “SPERANZA POLITICO-AMMINISTRATIVA” CHE LE SAPPIA DARE UN FUTURO MIGLIORE. – DICHIARAZIONE STAMPA – Nell’ultimo Consiglio Comunale, nei fatti, è stata varata l’ennesima “rapina a mano armata”, escogitata ai danni della nostra cittadina dall’intera maggioranza comunale che, col proprio voto, nonostante il parere contrario del Revisore dei Conti e del Responsabile dell’Area Finanziaria Comunale, ha deliberato un ulteriore bilancio “criminoso”, falso e “tarocco”. Questo, inoltre, continua a rimanere totalmente divergente dal Piano di Riequilibrio Finanziario Pluriennale varato a seguito della procedura di “Pre-Dissesto” comunale. Il documento programmatorio e finanziario comunale, per come deliberato nell’ultimo Consiglio Comunale, porterà a rendiconto al raddoppio del Disavanzo di Amministrazione, quantificato, al 01 Gennaio scorso, in – € 6.669.172,40. Lo stesso atto contabile produrrà il mancato rispetto del Patto di Stabilità Interno per gli anni 2015/2017, lo sforamento dei Parametri di Deficitarietà Strutturale dell’Ente ed uno “stratosferico” aumento della condizione debitoria comunale. Situazione deficitaria questa, che si ripercuoterà drammaticamente, ancora una volta, sulle tasche dei cariatesi e sulla totale carenza dei minimi servizi essenziali da fornire all’intera cittadina ed ai suoi turisti. Il Bilancio Preventivo 2015, approvato in ritardo lo scorso 20 Agosto ed a seguito della ormai solita diffida prefettizia, infatti, basa i suoi fraudolenti equilibri su entrate platealmente irrealizzabili, oltre che carenti delle necessarie “pezze” contabili e/o dei titoli giuridici, capaci di giustificarne l’inscrizione nello stesso documento finanziario. Mi riferisco, ad esempio, ai milionari importi, di natura straordinaria e cartolare, inseriti in bilancio per la copertura degli squilibri di parte corrente e dei Disavanzi di Amministrazione, a titolo di: Plusvalenze da Alienazione per la vendita del patrimonio Comunale (€ 2.424.143,13), quote derivanti dall’incasso di Oneri di Urbanizzazione (€ 715.000,00), incassi derivanti dalla Monetizzazione delle Aree a Parcheggio (€ 50.000,00), un fantomatico Avanzo di Amministrazione derivante dall’anno 2014 per un importo di € 271.180,06 (annualità finanziaria questa che, però, chiude anche in disavanzo per € 3.215.686,53!!!!). La “chicca” del Bilancio 2015 sono, tuttavia, le non meglio specificate entrate derivanti da Canoni Non Ricognitori e/o dalla COSAP per € 1.319.547,40. Questa spropositata ed infondata previsione di incasso, peraltro, è disciplinata da un Regolamento Comunale, votato nella stessa seduta consiliare, la cui efficacia è da ritenersi platealmente illegittima a causa dell’approvazione in ritardo dello stesso Bilancio Previsionale 2015 (ciò, ai sensi di quanto previsto dall’art. 1 comma 169 della Legge n.296/2006 – Finanziaria 2007 -) Contestualmente all’introduzione in Bilancio delle anzidette ed irrealizzabili voci di guadagno, però, i nostri dis-amministratori, volutamente e reiteratamente, continuano a scordarsi, da più esercizi finanziari, di immettere tra le spese di bilancio, così per come invece prevede l’art. 188 TUEL, i Disavanzi di Amministrazione per l’anno 2011 (€ 916.193,59) e per l’anno 2012 (€ 1.248.769,36), per un Totale di € 2.164.962,95. In più, gli stessi, dimenticano di dare “copertura finanziaria” alla quota parte della rateizzazione del “Deficit” di Bilancio relativo all’anno 2013 (€ 1.866.445,40) pari ad € 622.148,67. In pratica, in maniera “truffaldina” vengono iscritte nel Bilancio 2015 a titolo di entrate € 4.779.870,59. Per la quasi totalità di queste previsioni di introito, già nel recente passato, è stata dimostrata l’impossibilità all’incasso. Le stesse, quindi, non verranno incamerate in bilancio né nel corso dell’anno 2015 e ne mai, perché non ne esistono i presupposti giuridici-contabili e neanche quelli temporali-finanziari. Al contempo, in maniera altrettanto ingannevole non vengono inserite, nella parte riguardante la spesa del bilancio, € 2.787.111,62 scaturenti dalla sommatoria dei Disavanzi di Amministrazione per gli anni 2011 e 2012 e per la rata relativa al Deficit di Bilancio del 2013. Tradotto in “soldoni”, nell’ultimo Consiglio Comunale, si sono votati artifici contabili, che sanno molto di “Truffa” e di “Danno Erariale”, per un totale pari ad almeno € 7.566.982,21!!!! Quando detto, si avvalora se si constata che, nelle spese del Bilancio Preventivo 2015, risulta inserita a titolo di Disavanzo di Amministrazione e per la necessaria copertura finanziaria, solo la cifra di € 1.639.325,17. Questo importo corrisponde precisamente alla sommatoria, del 50% del Disavanzo di Amministrazione scaturente dal Rendiconto di Bilancio per l’annualità 2014 (€ 1.607.843,27) e della rata trentennale in cui è stato suddiviso il Disavanzo Tecnico al 01 Gennaio 2015, pari ad € 28.481,91. Più volte ed in più occasioni, nel corso di questi anni, insieme ai miei colleghi Consiglieri Comunali di Opposizione, mi sono preoccupato di avanzare proposte concrete e realizzabili e di sensibilizzare l’Amministrazione Comunale cariatese su queste “strane” situazioni finanziarie e su molti altri problemi irrisolti ma, purtroppo, ad oggi, non ho mai avuto opportunità di dialogo e confronto, oltre che riscontri esaustivi e risolutivi in merito. Cariati merita una nuova “speranza politico-amministrativa” che le sappia dare un futuro migliore. Cariati, 27 AGOSTO 2015 IL CAPOGRUPPO U.D.C. – Cariati e CONSIGLIERE COMUNALE Dott. Francesco Cosentino

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta