EMERGENZA RIFIUTI,VERTICE SINDACI –

ROSSANO (CS), Giovedì 13 Dicembre 2012 – Emergenza ambientale, servono soluzioni concrete e soprattutto risolutive. Non è più ammissibile continuare a sopportare il deturpo ambientale provocato dai cumuli di immondizia sparsi tra le vie della nostra città e del territorio. C’è l’improrogabile ricerca di altri siti e discariche per fronteggiare l’emergenza, anche indicando soluzioni all’ufficio del commissario che non pesino indirettamente, in termini di aggravio chilometrico per il trasporto, sulle tasse pagate dai cittadini. Oggi, il rischio di una degenerazione igienico-sanitario è elevato. ORA BASTA. Bisogna sgomberare immediatamente le strade dai rifiuti. Sono queste le preoccupazioni condivise dai sindaci del territorio della Sibaritide, dello Jonio cosentino, della Sila greca e dell’Area urbana che domani, GIOVEDÌ 20 DICEMBRE 2012, alle ORE 17, si ritroveranno tutti in Città. L’incontro, convocato dal sindaco Giuseppe ANTONIOTTI si svolgerà presso la sala riunioni della delegazione comunale dello Scalo. Dobbiamo trovare nell’immediato – afferma il Primo cittadino – una soluzione, affinché le nostre città tornino ad essere pulite, già a partire da Natale. Perché se Rossano ha ottenuto una proroga fino al 31 DICEMBRE per scaricare i rifiuti nella discarica di Cassano Jonio, è pur vero che si tratta solo di un rinvio del problema e non di una soluzione definitiva per tutto il territorio. La situazione ambientale venutasi a creare nelle ultime settimane a causa della mancata raccolta dei rifiuti solidi urbani – prosegue ANTONIOTTI – in molte aree, sta ormai degenerando in rischio per l’igiene e la salute pubblica. Una situazione imbarazzante a cui, ripeto, bisogna trovare rimedio. L’impossibilità di scaricare presso l’impianto di Pianopoli, a causa delle diverse criticità sopraggiunte, e di conseguenza anche in quello di Bucita non può e non deve bloccare il ciclo dei rifiuti di un’intera regione. È assurdo! Atteso che – conclude il Sindaco – quella che i territori esigono non è l’ennesima soluzione tampone, ma un’alternativa duratura e stabile per accompagnare questa fase emergenziale, in parallelo all’impegno costante per l’aumento progressivo della differenziata. Se le discariche esistenti sono sature o inaccessibili, che allora si trovino altre siti alternativi. All’incontro è prevista la partecipazione di tutti rappresentanti dei 35 COMUNI afferenti al consorzio della discarica di Bucita. Gli stessi che, ormai da più tempo, vivono le condizioni di disagio provocate dalla mancata raccolta dei rifiuti. Un appuntamento che segue quello già tenutosi ieri pomeriggio (martedì, 18 dicembre) a Mirto Crosia tra i sindaci del basso Jonio ed al quale ha preso parte anche l’assessore all’Ambiente, Giuseppe SIFONETTI. La riunione di domani sarà seguita da una conferenza stampa in cui saranno illustrate agli organi di informazione le decisioni e le direttive concordate dagli amministratori presenti.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta