Due partite casalinghe, per salire più in alto

Prove tecniche per il Cariati Calcio in vista delle due partite casalinghe: la prima domenica 31 gennaio contro la Juvenilia e la seconda mercoledì 3 febbraio con il recupero con la Garibaldina, rinviata a causa del maltempo.
Due incontri che dovranno far dimenticare la sconfitta di Cotronei ed il mortificante pari esterno conseguito domenica scorsa sul terreno del San Fili, a causa di “amnesia collettiva della retroguardia biancazzurra negli ultimi tre minuti di gioco”.
Al momento tutti i componenti della rosa sono concentrati sulla sfida di domenica 31 gennaio contro la forte compagine della Juvenila del tecnico Maluchi. Non è permesso più sbagliare, anzi sarà necessario scendere in campo decisi a conseguire il successo pieno. Il recente pareggio di San fili insegna che non ci si può fermare più, neanche giocando in casa. Non è possibile neanche ai ragazzi di mister Filareti di pareggiare, per cui al Cariati Calcio non resta che puntare decisamente al massimo, cioè alla decima vittoria stagionale.
Al momento la compagine del presidente Sabatino Tosto trovasi nell’area play-off, occupando la quarta posizione solitaria in classifica generale. Gli allenamenti, durante la settimana,sono proseguiti a ritmo serrato sul campo del “Rinacchio”.
L’intero collettivo è pronto a sostenere la prossima sfida in maniera lucida e determinata, al fine di migliorare ulteriormente la classifica e di avvicinarsi sempre di più alle tre battistrada. Capitan Aldo Scarpello e compagni si stanno impegnando a fondo per esprimere tutte le loro potenzialità sia per fare dimenticare le due ultime sfortunate gare e sia per migliorare ulteriormente la loro classifica, già ragguardevole per una matricola qual è attualmente il Cariati.
Anche i giovani Under crescono a dismisura: vedi Filareti, Labonia, Russo, Joele. Sicignano ed Errigo che sono quelli che maggiormente si stanno evidenziando.
Sulle due prossime gare casalinghe che il Cariati calcio dovrà affrontare si esprime il massimo dirigente biancazzurro . “Non dobbiamo pensare a ciò che è stato nelle ultime due gare di campionato, ma a quanto dovremo fare ancora in quanto il cammino è ancora lungo. Nelle prossime due gare interne consecutive che ci attendono abbiamo l’obbligo di dare il massimo, senza dimenticare che dobbiamo portare avanti l’obiettivo non solo della classifica ma soprattutto la valorizzazione dei nostri giovani che stanno ulteriormente onorando degnamente il nome del Cariati calcio”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta