Domenica scorsa, i calciatori di entrambe le squadre non sono potuti entrare negli spogliatoi

La popolazione di Cariati , a causa dell’emergenza rifiuti, è letteralmente stremata e non ha più nemmeno la forza di protestare, in quanto la problematica ha davvero raggiunto il culmine. Un gruppo di cittadini sembra che vogliano procedere alla presentazione di un esposto denuncia alla Procura della Repubblica di Rossano, in quanto sono vivamente preoccupati per l’eventuale insorgere di una serie di pericoli igienico-sanitari. L’immondizia nella cittadina è riposta dovunque, si va accumulando dovunque : sul lungomare Cristoforo Colombo,nelle adiacenze degli edifici scolastici, davanti ai luoghi religiosi, vicino ai diversi supermercati, nelle adiacenze delle tre aree cimiteriali, lungo tutto il Centro Storico ed infine lungo la cinta muraria del Centro storico, deturpato in maniera impressionante. Si parla di oltre 500 tonnellate di’immondizia accumulata per l’intera area; la popolazione è vivamente preoccupata e teme, con grande e viva preoccupazione, l’insorgere di seri pericoli igienici sanitari. L’immagine che offre oggi la cittadina di Cariati è di una vergogna che non si può descrivere. L’emergenza rifiuti è la problematica che oggi preoccupa l’intera cittadinanza: pattume dovunque, incendi di cassonetti in ogni parte della cittadina, ratti, insetti di ogni specie, un’infinità di moscerini, diossina che quotidianamente e nottetempo che si sprigiona dagli incendi dei cassonetti e soprattutto un olezzo maleodorante davvero insopportabile. Per dare un’idea della grave e reale situazione igienico sanitaria basti evidenziare che nel pomeriggio di domenica scorsa, in occasione della gara di calcio Cariatese Mesoraca, i calciatori di entrambe le squadre non sono potuti entrare negli spogliatoi dal solito ingresso laterale, ma direttamente dalla recinzione del campo a causa dei tanti rifiuti che, ancora oggi, ostruiscono il portone principale. Sull’emergenza rifiuti che si riflette sull’imminente stagione estiva interviene il capogruppo della coalizione “Fai vincere Cariati. “ Siamo arrivati all’inaugurazione della nuova stagione estiva, puntualizza Filomena Greco, e nessuna iniziativa concreta è stata messa in campo dall’Amministrazione comunale per garantire un effettivo rilancio di Cariati, mentre siamo letteralmente invasi da una moltitudine di immondizia. Non c’è alcuna programmazione in merito: la lenta ed inesorabile agonia del settore turistico- balneare è iniziata ormai da sette anni fa con l’insediamento della prima Amministrazione Sero. Non si può più perdere tempo, non si può stare a guardare e soprattutto occorre avere il coraggio, conclude Filomena Greco, di affrontare il problema fondamentale : l’inettitudine dei nostri amministratori e la loro incapacità a programmare una qualsiasi forma di ripresa del nostro paese, a partire dalla risoluzione dell’emergenza rifiuti, che tanti danni sta provocando alla cittadina del basso jonio cosentino”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta