CRITELLI SA SOLO STRUMENTALIZZARE

CRITELLI SA SOLO STRUMENTALIZZARE ASCIONE: IGNORA DELEGHE E PROBLEMA SULLE STRADE SERVE INTERVENTO COMPLESSIVO CARIATI (CS), Venerdì 16 Aprile 2010 – Viabilità interna. Tommaso CRITELLI, che forse non conosce neppure gli organi di governo, come al solito, disinforma e strumentalizza. – È quanto dichiara l’Assessore alle Politiche Sociali e ai Trasporti Filippo ASCIONE, che pur non avendo alcuna delega alla viabilità, chiamato in causa dal consigliere di minoranza, non si esime da alcune precisazioni. – ASCIONE parte da una domanda: come mai CRITELLI si preoccupa soltanto di Contrada Santa Maria? E delle altre vie, in condizioni critiche, da decenni? L’operazione per il rifacimento complessivo dell’asfalto prevede costi esorbitanti, insostenibili al momento per le casse comunali. L’impegno e l’attenzione dell’Amministrazione sul miglioramento della rete infrastrutturale interna esistente restano tuttavia alti e costanti. Il problema dello stato della viabilità cittadina – continua ASCIONE – è una delle grandi questioni con cui l’Esecutivo guidato da Filippo SERO si sta cimentando dal primo giorno. Lo stato di salute dell’asfalto cittadino risulta molto compromesso su quasi tutta la rete viaria interna. In varie parti si è costretti ad intervenire quotidianamente con soluzioni non definitive. Continuare ad intervenire in questo modo, seppur indispensabile a garantire un livello di sicurezza accettabile, non è tuttavia la strada che questa maggioranza intende perseguire per il futuro. È necessario un intervento radicale, di eliminazione del vecchio manto di asfalto e di riposa in opera del nuovo bitume. I costi però – aggiunge – di un’operazione di questo tipo, diffusa su tutto il territorio comunale, non si possono certo sostenere con quei pochi fondi comunali che ancora restano da gestire a questa amministrazione comunale, stante la notevole mole di debiti fuori bilancio lasciati in eredità dalla precedente giunta e che la nostra squadra di governo continua a riconoscere con grande senso di responsabilità (mentre chi li ha prodotti altro non sa fare altro che abbandonare l’aula consiliare in sede di dibattito sugli stessi). Il Consigliere CRITELLI, già assessore, dovrebbe rendersi conto, da solo, che rinunciare “a questa o a quella tarantella” – per usare il tono dispregiativo inutilmente preferito – non risolverebbe assolutamente il problema, che è invece di dimensioni ben più ampie. Come mai – si chiede poi ASCIONE – il consigliere non si preoccupa affatto dello stato di salute delle arterie di tutti i cittadini cariatesi (Via Matteotti, Via Cristoforo Colombo, Via Santa Teresa, Via Pannizzara, Via Salvo D’Acquisto o Via 49° Fanteria), ma si tormenta l’animo soltanto per l’arteria che si snoda da Via San Paolo, attraversa Contrada Tramonti ed arriva nella zona turistica Santa Maria? Per quel che ci riguarda – conclude ASCIONE – continuiamo ad avere alta considerazione sia dei cittadini, sia dei turisti e non lesineremo sforzi ed impegni, in tutte le direzioni, per raggiungere, come altri anche l’obiettivo di migliorare, come non è stato fatto dalle amministrazioni passate (soprattutto quando CRITELLI era assessore!), l’assetto e la fruibilità del sistema viario cittadino.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta