CONSIGLIO COMUNALE: PERCHE’ NON SI RISPETTANO LE REGOLE PER LE CONVOCAZIONI?

Debbo rilevare, con crescente rammarico, che le modalità di convocazione del Consiglio comunale di Cariati sono spesso, incomprensibilmente, tali da non consentire alle opposizioni di intervenire in tempo utile alle sedute. Non comprendo perché, anche nel finale di una consiliatura certo non entusiasmante, da parte della maggioranza si continui imperterriti a perseverare in una pratica – utilizzata a volte, peraltro, nelle più rissose assise comunali, regionali e parlamentari – che è palesemente illegittima e avvilisce l’opera del Consiglio, che dovrebbe essere tesa al bene dell’intera comunità. L’attuale maggioranza ha il dovere di giustificarsi, attraverso il Consiglio Comunale, con le persone che come chi scrive vivono a Cariati o anche non ci vivono in modo continuativo ma la amano, perché questo é senza alcun dubbio il modo peggiore di comportarsi da parte di chi le rappresenta. Questa mia riflessione non ha lo scopo di tirare la volata alla minoranza, che pure ha comunque legittimi motivi di lagnanza. Semplicemente, da cariatese acquisito, desidero comprendere le ragioni di un’attitudine che di sicuro non risponde a un interesse generale della comunità. Non ho il piacere di conoscere personalmente Cataldo Minò, il Presidente del Consiglio Comunale, col quale ho solo scambiato alcuni messaggi, ricavandone l’impressione che sia una persona educata, rispettosa e innamorata del territorio, che rappresenta e sul quale risiede. Chiedo a lui, nella sua qualità di responsabile delle modalità di convocazione del Consiglio Comunale, perché persevera nel farlo seguendo modalità, che peraltro non gli gioveranno certo in termini di futuro consenso politico, né gli danno lustro in quanto cittadino di Cariati. Gli chiedo di dimostrarmi e convincermi che sbaglio, e che di conseguenza sbaglia la minoranza a denunciare un simile comportamento. Gli chiedo di consentire a me, e a tanti altri, di tornare a guardare con serenità e fiducia alla politica che si pratica nell’aula consiliare cariatese. Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta