Ci lascia una figura storica e rappresentativa di Cariati. Jepson

La comunità cariatese piange oggi per uno spiacevole lutto. Ci lascia una figura storica e rappresentativa di Cariati. Giuseppe Minò, meglio conosciuto da tutti con il nome di Jepson per la sua grande stima ed apprezzamento, al calciatore di origine svedese, Jepposon, approdato nel campionato italiano negli anni ’50. Il nostro Jepson era una persona amabile con chiunque. Faceva della sua socievolezza un punto di forza che lo portava a scambiare quattro chiacchiere con ognuno che avesse piacere di intrattenersi. Molti cariatesi, ma altrettanto tanti abituali frequentatori estivi di Cariati, non mancavano di ascoltarlo nei suoi colorati aneddoti sul passato. L’allegria e la simpatia caratterizzavano la sua persona. Difensore estremo della sua Cariati, guai a chi gliela toccava. Piazza 500, ma l’intera Cariati, ha perso più che altro un vero amico, un punto di riferimento sicuro e una voce cordiale e amica pronta a rallegrare tutti. L’ho incontrato per l’ultima volta lo scorso dicembre. Faceva freddo e portava un cappello calato sin sugli occhi. Al mio saluto ha risposto subito, riconoscendomi e augurandomi una felice permanenza. Aveva un grande credito con tanti. Tesseva inconsapevolmente, con ogni sguardo e ogni sorriso un legame con tutte le persone che incrociava, lungo il suo peregrinare per il Paese. Ciao mio caro Jepson Cariati ti saluta, ma altrettanto tantissimi amici che non dimenticheranno mai la tua disponibilità e l’amore per il tuo paese. In una intervista, video, rilasciata al nostro sito, il 5 Luglio 2012, volle parlare dei problemi causati dalla SS106 (le opinioni di Jepson sulla SS 106), anticipando le discussioni di questi giorni. Nicola Campoli

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta