CHIUSURA RICICL’ART, BOOM DI PRESENZE NELLA SALA DEGLI SPECCHI

ciascuno al cambio di mentalità, ad esempio sulla pratica quotidiana della raccolta differenziata. (GERACI) – Debellare la cultura dell’usa e getta. È questo il messaggio più forte che RICICL’ART affida all’Area Urbana, rafforzandone anche con queste iniziative comuni lo spirito di collaborazione su un tema, come la tutela ambientale, che in generale, in passato, non è stata affrontata nel modo giusto. (ALFIERI) – Il metro di civiltà di una comunità è anzi tutto quello ambientale. Accanto al buon governo, che dobbiamo esigere tutti e sempre, deve esserci una sempre più ampia partecipazione civile delle cittadinanze. E su questo terreno dobbiamo fare una scelta che non è affatto slegata dalle altre opportunità rappresentate da una diversa attenzione all’identità dei territori, al paesaggio, alle produzioni ed alle risorse naturali. Sono, questi, gli ingredienti del nostro sviluppo sostenibile. (DIMA). Sono, questi, alcuni dei passaggi più importanti emersi nel 71esimo Caffè Filosofico itinerante promosso dall’associazione europea Otto Torri sullo Jonio a conclusione dell’ottava edizione di RICICL’ART ospitata, sabato 23 scorso, in una gremita Sala degli Specchi del Castello Ducale di Corigliano. Numerose le presenze all’agorà circolare moderata da Lenin MONTESANTO, Fiduciario della Condotta Slow Food Sibaritide – Pollino, partner, insieme alla Diocesi di Rossano-Cariati della storica iniziativa promossa dall’associazione guidata da Walter PULIGNANO: dal Sindaco di Corigliano Giuseppe GERACI, agli assessori comunali di Rossano Giuseppe LIBRANDI e Rodolfo AlFIERI, dagli assessori provinciali Leonardo TRENTO e Biagio DIANA al consigliere regionale Giuseppe CAPUTO, dai consiglieri comunali della Città del Castello Maria Francesca CEO, Marisa CHIURCO e Tommaso MINGRONE a Jole SPOSATO, consigliere comunale, al sindaco di Saracena Mario Albino GAGLIARDI, dal consigliere provinciale Luciano MANFRINATO all’europarlamentare Mario PIRILLO, da Don Pino STRAFACE in rappresentanza dell’Arcidiocesi Rossano-Cariati, partner dell’evento, ad Alfonso CAUTERUCCIO di Greenaccord ed il sottosegretario regionale alla Protezione Civile Giovanni DIMA. Il 71° Cafè Philo, dal titolo “IO TU-TELA DEL CREATO”, è stato aperto dal presidente di RICICL’ART che ha ribadito l’impegno dell’Associazione nella promozione del riuso creativo dei rifiuti, a partire dal basso. Dalle scuole, prima di tutto. Da qui il Memorandum, stilato in 10 punti, con serietà e responsabilità, dai ragazzi delle scuole superiori delle due comunità. Le due opere donate all’Area Urbana – ha ribadito PULIGNANO – un ulivo secolare realizzato con cofani e marmitte per Rossano e una prua magno greca per Corigliano, rafforzano ancora di più il rapporto di maggiore coesione tra le due Città. Io tu-tela del creato. Il coinvolgimento dell’io in prima persona; del TU, di tutto ciò che è fuori di me; e la tela come sinonimo di rete. A spiegare il gioco di parole del titolo dell’incontro è stata Lucia PASSAVANTI, raccontando quello che è stato l’excursus di RICICL’ART in otto anni di iniziative. Da evento ad appuntamento, destagionalizzato ed itinerante, ma fisso. Con appuntamenti frequenti nelle scuole. Sempre nella direzione della promozione del rispetto dell’ambiente, del territorio e della qualità della vita attraverso diverse attività e affiancando sempre altre associazioni, in un vero e proprio lavoro di squadra. Come nel caso di Slow Food quest’anno. Dal Preludio n.1 di BACH alla Danza di Colombina, dal Valzer di Kabalevski alle scene infantili n.1 di Schumann, da Suonando il tamburello di Kaciaturian al River Flows di Yiruma fino al Valzer op. 64 n. 1 in re bemolle di CHOPIN. Sono i brani eseguiti al pianoforte, tra un intervento e l’altro, stuzzicati da un aperitivo tipico, dalle due giovani pianiste Sara PULIGNANO e Maria Chiara ALOE. – (Fonte: Montesanto Sas – Comunicazione & Lobbying).

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta