Cariati sta vivendo un momento critico: lo affermano cittadini e turisti.

Non solo immondizia, erbacce e sacchetti di spazzatura sparsi per le strade, ma innumerevoli e fatiscenti ingombranti. E’ quanto si asserisce nei punti più nevralgici della cittadina, nonostante che la ditta appaltatrice non lesina sforzi nel vacuare giornalmente la spazzatura. In più parti della cittadina vi sono delle vere e proprie microdiscariche di rifiuti, dove non mancano televisori in disuso, servizi igienici in pessimo stato,scaldabagni, cumuli di erbacce, mobili fatiscenti unitamente a insetti, vipere e ratti, che offrono ai passanti uno spettacolo indecoroso nonché di grande vistoso degrado urbano. Si rende necessario, ad avviso di molti,un maggiore senso civico da parte di tutti quelli che lanciano dalle loro autovetture, con inaudita incoscienza, sacchetti di maleodoranti rifiuti lungo le strade cittadine. Sarebbe necessario un maggior controllo, ad avviso dei buopensanti, sull’intera rete cittadina da parte delle autorità preposte, al fine di poter eliminare questo proliferare di malcostume, nocivo per la salute pubblica. Un intervento di bonifica delle aree centrali della cittadina, quali quelle relative alla popolosa contrada S. Paolo e del vicino sottopassaggio ferroviario, alla centralissima Via Stabilimento, alla contrada S. Cataldo, al Centro Storico, al rione Sotto Le Mura, all’area cimiteriale e alle diverse zone della periferia cariatese, da parte delle autorità di competenza con il precipuo obettivo di eliminare possibili situazioni di rischio per la salute pubblica. Della problematica si sta discutendo pesantemente su facebock e su diversi siti internet. Diversi e alquanto pesanti i commenti dei cittadini che reclamano a chi di competenza di intervenire con immediatezza, per fare cessare un vero e proprio obrobio. “E’ davvero vergognoso assistere a certi degradanti spettacoli, ci hanno sottolineato due “arrabbiati” utenti,di cui uno residente,ammalato unitamente alla propria consorte di gravi e serie patologie, e di un villeggiante di Avellino, Vincenzo Montano, che si dice “grandemente indignato” per l’incuria e la latitanza delle Istituzioni locali. In una nota, a firma della romana Anna Calzarotto e del milanese Marcello Paparozzi, si afferma che l’estate cariatese si sta vivendo con molti disagi e lotte continue per i servizi che il Comune di Cariati non sta affatto elergendo. Constatato il pesante degrado della zona turistica di Contrada Tramonti, di cui fanno parte i villaggi Taiti, Corallo, Tre C ed il Trenino, siamo stati costretti, si legge nella nota, a pulire l’intera vasta zona turistica e la concomitante spiaggia a spese di tutti quelli che vivono nella zona circostante. ”La nota si chiude con la speranza che il 2014 “ porti a cariati una Giunta comunale seria e responsabile, e che questo nostro lottare sia solo “una tantum” anzi speriamo “una pocum”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta