CARIATI PUNTA SU SICUREZZA STRADALE

NUMEROSA SEGNALETICA SULLA SS106 ATTENZIONE ALTA PER PEDONI E AUTOMOBILISTI CARIATI PUNTA SU SICUREZZA STRADALE Cariati (CS), Mercoledì 27 Gennaio 2010 Viabilità, Cariati punta sulla sicurezza stradale. Segnaletica orizzontale e verticale, avvisi catarifrangenti, insegne, strisce pedonali. Sul tratto di SS 106 che attraversa il comune ionico, è diventato praticamente impossibile non prestare attenzione. Sarebbe davvero il caso di dire: automobilista avvisato, mezzo salvato! È impossibile, infatti, per pedoni e conducenti, non prestare la massima e dovuta attenzione, ripercorrendo, in lungo, la strada che cammina parallela ai binari ferroviari, o tagliando e attraversando la stessa perpendicolarmente, in qualsiasi punto del centro abitato diviso in due dalla SS106. La distanza che separa un segnale dall’altro è breve, anzi, brevissima. E ve ne sono oggettivamente tanti. Da un punto all’altro della trafficata Via Nazionale, a partire dall’incrocio posto all’altezza del bivio, oggi regolamentato, in Contrada San Cataldo, fino a raggiungere ed oltrepassare il tratto di statale che si incrocia con Via Gaetano Natale, nei pressi del Nosocomio cariatese, è tutto un alternarsi di segnali, che, aggiungendosi a quelli tradizionali, non consentono, in nessun modo, distrazioni. Per gli automobilisti. Ma non solo. Anche per i pedoni l’invito, grazie, all’impatto visivo, è ad utilizzare le aree loro riservate per gli attraversamenti. E di notte, la differenza e l’allerta balza agli occhi, grazie agli speciali “occhi di gatto” apposti, in base al progetto di Sicurezza Stradale co-finanziato dalla Regione Calabria, su tutte, proprio tutte, le strisce pedonali sulla SS106 cariatese, da contrada Tramonti a San Leo. – Dai limitatori di velocità ai segnali posti a presegnalare gli attraversamenti pedonali, dai segnali di “stop” a quelli del “dare precedenza”, percorrere i chilometri di SS 106 cariatese ora, con l’attenzione ed il rispetto di tutti, dovrebbe essere più sicuro di prima.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta