Cariati: provo vergogna per le condizioni in cui versa! Sindaco: prova il mio stesso sentimento?

Il resto sono chiacchiere e di chiacchiere già ne ho sentite parecchie

Gentile Sindaco, 

non Le fanno onore le drammatiche e preoccupanti condizioni in cui versa, in piena stagione estiva, il territorio di Cariati. Inaudito e inimmaginabile. Sono mortificato e avvilito per quanto riscontro in queste settimane sul territorio cariatese. Uno spettacolo che è aberrante. 

C’erano, contrariamente a quanto da Lei esposto nell’ultimo Consiglio comunale, tutte le condizioni tecniche amministrative, perché la criticità non scoppiasse nel bel mezzo della stagione estiva. Siamo dinanzi all’esplosione di un problema del quale se ne parlava già dall’inizio della scorsa primavera. D’altronde, a me che frequento anche Cariati fuori stagione era già noto. 

Sarò pure ripetitivo, ma Lei deve esporre in modo dettagliato e puntuale al Prefetto di Cosenza il reale e concreto rischio che si sta correndo sul piano igienico sanitario. Mostrarle le immagini!! 

Le domando: l’ha mai fatto? Risponda ai cittadini cariatesi, innanzitutto, e poi ai turisti, nei confronti dei quali è un suo dovere porre le scuse pubbliche! Perché non l’ha fatto? Per orgoglio? 

Urge l’intervento immediato dell’esercito italiano ed é Lei responsabilmente che lo deve chiedere con una specifica istanza al Primo Rappresentante del Governo sul territorio. La prego non si trinceri dietro al fatto che è nell’attesa che si concluda a momenti la manifestazione di somma urgenza, al fine di selezionare una nuova impresa alla quale affidare il servizio, affinché liberi strade, piazze e spiagge del Paese dai rifiuti. 

Provo letteralmente vergogna da turista. Ma tanta vergogna. Ma Lei da Primo cittadino prova il mio stesso sentimento? i scuso per la curiosita! Questo è quello che serve per davvero a Cariati, in questo preciso momento. Il resto sono chiacchiere e di chiacchiere già ne ho sentite parecchie. 

Nicola Campoli 

Print Friendly, PDF & Email

Views: 2

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta