CARIATI, I DISTRUTTORI DELLA CITTA’ SECONDO UN MANIFESTO DELLE OPPOSIZIONI

CARIATI – Revisionismo storico – politico tutto in salsa cariatese: a parere delle opposizioni consiliari, la situazione locale è talmente grave che “nemmeno i turchi hanno osato tanto”. Il riferimento è al corsaro Kaireddin Barbarossa che nel 1544 distrusse quasi completamente la città e ne fece prigioniera gran parte della popolazione, compreso il vescovo dell’epoca. Dopo quasi 5 secoli, i consiglieri comunali di minoranza (Filomena Greco, Tommaso Critelli, Francesco Cosentino e Mario Sero) indicano, in un manifesto affisso ovunque, i nomi dei “distruttori di Cariati: Filippo Giovanni Sero, sindaco; Leonardo Montesanto, vice sindaco; Leonardo Celesete, assessore; Cataldo Rizzo, assessore; Giuseppe Donnici, assessore; Cataldo Minò, presidente del consiglio comunale, e Leonardo Trento” (consigliere di maggioranza ed assessore provinciale, ndc). I soprannominati, che gli oppositori tacciano come “irresponsabili”, dopo “sette anni di pessima amministrazione, nella seduta consiliare del 23 marzo, per salvare il loro stipendio e le loro poltrone, hanno approvato il pre-dissesto comunale, certificando il fallimento del nostro comune e saccheggiando le tasche, già vuote, dei cariatesi”. La citata manovra economica e finanziaria avrebbe, sempre a parere dei consiglieri firmatari del manifesto, conseguenze nefaste: “Aumento di tutti i tributi al massimo (+300%); creditori che, imbrogliati per anni, continueranno ad attendere le loro legittime spettanze; l’impossibilità di realizzare opere pubbliche e di erogare i servizi essenziali”. E tutto questo accade, chiosano i consiglieri, “mentre siamo invasi dalla spazzatura”. Dunque, “la misura è colma e se vi é rimasto un briciolo di dignità (riferito ai “distruttori”, ndc), pagate di tasca vostra i danni che avete prodotto”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta