CALCIO: L’ASD Cariati prende un punto importante al S. Anna.

Sant’Anna 1 – Cariati 1 Marcatori: 35’ Calabretta, 50’ Apicella Sant’Anna: Schiaccianoce 6, Venneri 5,5 (70’ Liparoti 6), Demeco 6, Leone 6,5 (83’ Petrocca s.v.), Marsala 6,5, Rodio 6, Ribecco Fra 6 (56’Garofalo 6,5), Ribecco F 6, Giungato 6,5, Iencarelli 6, Calabretta 7. All: Maiolo Cariati: Curatolo 8, Varquez 6, Patera 6, Castrignanò 8, Graziano 7, Scarpello 6,5 (86’ Ioele), Cristaldi 6,5 (46’Tranquillo 6,5), Torchia Daniele 6,5, Apicella 7,5 (90’ Pugliese s.v.), Potrone 6, Lombisani 7. All: Vincenzo Filareti Arbitro : Costa di Catanzaro Non c’è niente da dire, di fronte a certi talenti puoi solo toglierti il cappello e fare l’inchino. Il Sant’Anna si ferma, così, davanti ad un eurogol di Raffaele Apicella, alla straordinaria prestazione dell’estremo difensore Mario Curatolo, che oltre a neutralizzare un rigore è stato decisivo in almeno sei interventi prodigiosi, all’impareggiabile regista Gianluca Castrignanò, anima e motore del Cariati calcio di Vincenzo Filareti ed infine a Pasquale Lombisani per il grande impegno profuso sia in attacco che in difesa. Ad una sola giornata dalla fine del campionato in corso, i ragazzi del presidente Sabatino Tosto hanno conquistato la possibilità di poter disputare i play off con la stessa compagine del Sant’Anna. La quattordicesima giornata di ritorno del campionato di promozione, girone B, ha permesso, dunque, al Cariati di tenere vivo il sogno dei play off, di tonificare a più tredici punti il vantaggio sulla quarta forza del campionato, il Botricello,e di esaltare i numerosi tifosi biancazzurri, tra cui il giovanissimo campione della Ferrari della formula 3, Antonio Fuoco, che, a fine partita, hanno chiamato sotto la tribuna i loro beniamini, intonando il coro: “Noi ci crediamo ragazzi, noi ci crediamo”, con lunghi applausi ed altre felicitazioni. Se la società si appresta a vivere l’ennesima settimana delicata per il suo futuro, in campo la squadra non perde un colpo, centrando il ventiseiesimo risultato utile stagionale (totale punti 62). Per i ragazzi del presidente Sabatino Tosto, dunque, sognare è lecito. Il Cariati, nel corso dell’avvincente partita, ha avuto diverse occasioni per conseguire, addirittura, il successo pieno, fornendo una prestazione accorta e giudiziosa, pur subendo una direzione arbitrale particolarmente casalinga. Il gol del Sant’Anna, ad opinione di molti, era viziato da fuorigioco ed il rigore concesso dal direttore di gara non c’era affatto. La compagine del Cariati si è ben difesa, non disdegnando pericolose ripartenze con Apicella e Lombisani che hanno seminato il panico nelle retrovie della compagine crotoniate, non ha sbagliato quasi niente in difesa ed ha tolto agli avversari persino la possibilità di impostare con tranquillità grazie ad un pressing efficace. Il Sant’Anna voleva fare la partita a suo piacimento, ma contro una formazione che non concedeva spazi ha commesso troppi errori in fase di impostazione, finendo per non riuscire mai ad armare il tandem Calabretta-Giungato verso il portentoso estremo difensore Mario Curatolo, autore di prodigiosi interventi nonché impeccabile nel neutralizzare, nella ripresa, la massima punizione, concessa con irrisoria decisione dall’arbitro della contesa, il signor Costa di Catanzaro e calciata dallo specialista Calabretta. ”Un risultato altamente positivo che ci consente di sperare, ad una giornata dalla fine del campionato, al diritto di disputare i play off con la stessa compagine del Sant’Anna. E’ stato premiato il lavoro fatto in settimana”, ha sostenuto a fine gara il trainer del Cariati Calcio, Vincenzo Filareti.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta