BALNEAZIONE,REGOLE PER LA SICUREZZA ESTATE 2011, ORDINANZA DELLA POLIZIA MUNICIPALE PUBBLICATA ALL’ALBO, SUL SITO E DA ESPORRE IN STABILIMENTI

BALNEAZIONE,REGOLE PER LA SICUREZZA ESTATE 2011, ORDINANZA DELLA POLIZIA MUNICIPALE PUBBLICATA ALL’ALBO, SUL SITO E DA ESPORRE IN STABILIMENTI CARIATI (Cs), Martedì 14 giugno 2011 – Stagione balneare 2011, disposizioni generali per rispettare al meglio i divieti, le norme di sicurezza sull’uso delle coste e la disciplina delle strutture e degli stabilimenti balneari. E’ quanto fa sapere e prevede una ordinanza della Polizia Municipale. La PM ha stilato una precisa lista di comportamenti che i bagnanti dovranno rispettare. Il disciplinare adottato è articolato in una serie di divieti che saranno fatti rispettare, in modo scrupoloso. I bagnanti, queste alcune delle prescrizioni contenute nell’ordinanza, non potranno portare gli animali sulla spiaggia. Il divieto, però non si applica su tratti di spiaggia eventualmente destinati alla permanenza degli animali e all’uopo attrezzati. Sono esclusi dal divieto i cani di salvataggio a guinzaglio, i cani guida per i non vedenti ecc. Non si potranno depositare teli, ombrelloni, sedie sdraio, canotti e quant’altro se non a distanza di 5 metri dalla battigia che è destinata al libero transito e sulla quale è fatto altresì divieto di campeggiare, transitare e/o sostare con qualsiasi tipo di veicolo, ad eccezione di quelli destinati alla pulizia e al soccorso. È vietata inoltre la balneazione nei porti, nel raggio di 200 metri dalle imboccature e della strutture portuali, all’interno del corridoio di lancio e delle unità da diporto opportunamente segnalati, negli specchi d’acqua preclusi alla balneazione, per motivi igienico-sanitari, nel raggio di 10 metri da gavitelli e boe di ormeggio di imbarcazioni. Le strutture balneari sono aperte al pubblico, per la balneazione, dalle ore 8.30 alle 19.30 con possibilità di protrarre l’apertura dei servizi accessori fino all’orario consentito dall’Amministrazione Comunale. Ogni stabilimento deve essere provvisto di licenza di esercizio e di autorizzazione sanitaria, rilasciati a cura delle autorità competenti. Durante l’orario di apertura i concessionari singoli o associati devono organizzare e garantire il servizio di soccorso ed assistenza ai bagnanti con almeno un bagnino di salvataggio o assistente bagnino abilitato al salvataggio dalla Società Nazionale di Salvamento o dalla Federazione Italiana Nuoto, ogni 80 metri di fronte mare. Ogni concessionario deve dotarsi di materiale di primo soccorso costituito da 3 bombolette individuali di ossigeno, da 1 litro, senza riduttore di pressione; una cannula di respirazione bocca a bocca; un pallone “Ambu” o altra apparecchiatura riconosciuta dalle competenti autorità sanitarie; una cassetta di pronto soccorso, anche di tipo portatile, contenente le dotazioni prescritte dalla normativa vigente. Le prescrizioni riguardanti gli aspetti relativi alla sicurezza nell’utilizzo delle coste e del mare antistante sono regolamentate con provvedimento dell’Autorità Marittima competente. Per saperne di più, l’ordinanza sarà pubblicata all’Albo del Comune e sul sito internet istituzionale. Ogni concessionario dovrà esporla in modo ben visibile agli utenti per tutta la durante della stagione estiva.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta