Approvati dal Consiglio Comunale di Cariati parte dei debiti fuori bilancio e la salvaguardia degli equilibri di bilancio

Approvati dal Consiglio Comunale di Cariati parte dei debiti fuori bilancio e la salvaguardia degli equilibri di bilancio e ricognizione stato di attuazione dei programmi con i soli voti della maggioranza,mentre l’unico presente dei consiglieri di minoranza il capogruppo dell’UDC Francesco Cosentino si è allontanato al momento delle votazioni,dissociandosi totalmente dai provvedimenti approvati dalla maggioranza in spregio,a suo dire,ad ogni norma di legge. Alla seduta per la maggioranza erano assenti Domenico Strafaci e l’ex assessore all’ambiente Sergio Strafaci,mentre per la minoranza erano assenti Filomena Greco,perché non avrebbe ricevuto l’avviso di convocazione nei termini di legge,Mario Sero in quanto impegnato quale legale in udienze penali non rinviabili e Tommaso Critelli,vittima di un incidente sul lavoro. L’intera seduta è stata caratterizzata da numerose sospensioni a richiesta sempre dalla stessa maggioranza,che ha evidenziato limiti e grosse incertezze. Francesco Cosentino ha focalizzato,a chiare lettere,le gravi criticità dei provvedimenti sottoposti all’esame del Consiglio Comunale,mettendo in più occasioni in grave imbarazzo la maggioranza,costretta a chiedere diverse e lunghe sospensioni della seduta,a causa dei rilievi mossi dal consigliere di minoranza. Tra i diversi rilievi quello del mancato deposito nei termini degli atti del Consiglio. Addirittura un elenco di nuovi debiti fuori bilancio,approvato con delibera di Giunta nei giorni scorsi,è pervenuto all’esame modificato e variato rispetto a quello approvato dalla Giunta e munito dei pareri del revisore. In definitiva la maggioranza ha approvato il riconoscimento solo di una parte dei debiti fuori bilancio che la Giunta ha portato all’attenzione dell’Assise. Su circa 1.700.000 che la giunta aveva deliberato,sono stati approvati stranamente dalla maggioranza consiliare circa 800.000 euro. Particolare risonanza ha riscosso l’intervento di Francesco Cosentino sulla problematica SOGEFIL,che ha fatto rilevare che l’atto di citazione promosso dal Comune,a mezzo dello studio legale dell’avv. Ponte contro la SOGEFIL per il recupero dei crediti del comune,presenta errori di calcolo di diverse centinaia di migliaia di euro a danno del Comune. “Invito il sindaco,ha puntualizzato Francesco Cosentino,a voler richiedere per il tramite del difensore dell’Ente la modifica e l’integrazione delle richieste effettuate con l’atto di citazione proposto contro la SOGEFIL dinanzi al tribunale di Cosenza. A tal proposito,ha proseguito l’esponente dell’UDC,si evidenzia che l’importo di E.4.226.962,64 è errato atteso che:1)manca dalla suddetta somma l’importo di E.191.927.32 relativo ad accertamenti TARSU 2005-2006-2006-2007-2008 benchè la stessa risulta indicata nel prospetto di cui al predetto atto di citazione ma stranamente non sommato al totale complessivo di E.4.226.962.64; 2)alla suddetta somma,ha continuato Cosentino,manca l’importo ammontante a L.244.116,37 relativo a ruolo acqua anno 2006 affidato alla SOGEFIL,così come risulta da avvisi di pagamento emessi in data 23 dicembre 2011; 3) all’importo richiesto con l’atto di citazione mancano gli importi di tutti gli avvisi di pagamento,accertamento e liquidazione effettuati unilateralmente ed arbitrariamente dalla SOGEFIL,senza le preventive autorizzazioni dell’Ufficio tributi del Comune. Relativamente a detti importi si evidenzia,conclude Francesco Cosentino,ancora una volta che a causa dell’intollerabile inerzia dell’Amministrazione Comunale ad oggi sono di difficile quantificazione anche perchè nessun atto cautelare è stato richiesto né sulla contabilità interna della SOGEFIL né sui conti correnti della stessa ove affluivano i versamenti dei contribuenti”.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta