API,IL SEGRETARIO È SEMPRE FILARETI

CARIATI (Cs) – Lunedì, 13 Novembre 2012 – Il segretario cittadino dell’API era e rimane Vincenzo FILARETI. Confermato sostegno all’Esecutivo guidato da Filippo SERO ed all’azione di difficile risanamento messo in atto da parte della Giunta e della maggioranza al governo della Città. Ancora una volta siamo costretti a porci una domanda: ma il Direttore de IL PONTE che film ha visto? Un sito, quello da lui gestito, che, al netto degli errori, produce solo odio e disinformazione sistematiche. NESSUNA RIUNIONE, NESSUN CAMBIO AL VERTICE DEL LOCALE CIRCOLO DI ALLEANZA PER L’ITALIA, NESSUN MALCONTENTO. Niente di niente rispetto a quanto riportato dall’ormai noto portale di bufale, balle e disinformazione locale e che, alla luce delle rettifiche e smentite mai concesse a chi non in linea con campagne d’odio calunnia e offese personali, si conferma mediocre baluardo di chi vuole calpestare, nei fatti, la libertà di stampa, il diritto di cronaca ed il pluralismo nell’offerta di informazioni ed opinioni al cittadino. Se il direttore RIZZO credeva di aver dato uno scoop, ci dispiace dover sottolineare, non tanto a lui quanto ai suoi lettori che, piuttosto, ci troviamo, per l’ennesima volta, di fronte ad una bufala, ad una frottola e ad una delle panzane di stagione. E chi più ne ha più ne metta. Insomma, una favola inventata di sana pianta rispetto alla realtà delle cose. Una notizia senza fondamento. Vincenzo FILARETI era e continua ad essere il segretario dell’API; Rocco AGAZIO, seppur promosso dal direttore de IL PONTE, continua ad apportare il suo importante e prezioso contributo all’interno del movimento politico ma con ruoli diversi rispetto a quelli che si vorrebbero far passare. L’Amministrazione Comunale guidata dal Sindaco Filippo SERO e l’azione di risanamento in atto da parte della maggioranza al governo della comunità di Cariati – si rassegnino gli animatori di odio e gli apprendisti moralizzatori – ha sempre trovato e continuerà a trovare nell’API sostegno e collaborazione. Per risolvere problemi, non per passare il tempo a distruggere.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta