AL LICEO SCIENTIFICO DI CARIATI “PROMUOVIAMO IL LICEO”.

E’ stato un incontro interessante e proficuo quello che si è tenuto, mercoledì scorso, nell’Aula Magna del Liceo Scientifico di Cariati, tra gli alunni e l’ing. Caterina Fazio, già alunna del liceo Patrizi, Ingegnere Ambientale, in possesso della Laurea Specialistica in Ingegneria per l’Ambiente ed il Territorio, conseguita presso l’Università della Calabria. La Fazio ha magnificamente intrattenuto i giovani proponendo il tema attuale della sostenibilità ambientale e, quindi, del cosiddetto sviluppo sostenibile, individuando i passi da compiere o da evitare per diventare un cittadino a “misura di ambiente”. Partendo dal concetto di sostenibilità, sono stati affrontati i seguenti argomenti: inquinamento, raccolta differenziata, sprechi, energie rinnovabili, pianificazione territoriale, tutela dell’ambiente e tecniche di prevenzione. L’incontro ha avuto l’obiettivo di evidenziare che le risorse ambientali non sono illimitate, per cui devono essere necessariamente razionalizzate, e che la tutela dell’ambiente deve essere intesa da ogni singolo cittadino come un vero e proprio dovere. Infatti, il pianeta in cui viviamo ha bisogno del nostro impegno quotidiano, partendo dai piccoli gesti quali non abusare delle risorse come acqua o energia, molto spesso sprecate inutilmente, sino ad arrivare ai grandi gesti come quelli della raccolta differenziata, l’utilizzo di energie rinnovabili, la corretta pianificazione territoriale. Il problema dello sviluppo sostenibile, difatti, non riguarda solo le scelte politiche, ma coinvolge tutti noi molto da vicino, poiché ogni danno arrecato all’ambiente nel presente, sarà pagato, di certo, dalle generazioni future. Da qui la necessità di una campagna di educazione ambientale, per orientare i comportamenti individuali e collettivi dei giovani, allo scopo di sensibilizzarli per raggiungere un equilibrio con l’ambiente ed essere i veri protagonisti nel progetto di realizzazione dello sviluppo sostenibile.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta