VITTORIO TOSTO: Tre i motivi che hanno spinto a candidarmi

Ho detto sì alla mia candidatura a consigliere comunale nella lista del Libero Comitato Cittadino #CariatiPulita, in corsa per le prossime elezioni amministrative che si terranno a Cariati, la mia città natale e dei miei affetti, del mio impegno e dei miei pensieri di sempre.

I motivi principali sono tre: la stima che nutro verso i ragazzi delle Lampare Basso Ionio Cosentino, che sono tra i fondatori del Comitato; l’ottima scelta di Assunta Scorpiniti  quale candidato a Sindaco, che per il suo percorso culturale e l’onestà reputo la migliore per guidare Cariati questo momento difficile della sua storia; e, cosa altrettanto importante, per dare il mio contributo nell’uscita dagli ultimi vent’anni di dissesto amministrativo, che hanno messo in ginocchio l’amata cittadina.

Intendo mettere a disposizione del progetto di #CariatiPulita, in particolare nel settore delle politiche giovanili, la mia passione, le mie competenze e l’esperienza di ex calciatore nella massima serie e oggi di operatore sportivo, soprattutto per iniziative a favore dei giovani del mio paese, che sono la speranza del futuro.

Purtroppo problemi di salute del mio papà non mi consentono di esprimere in tutte le fasi della campagna elettorale la mia rabbia verso il sistema sbagliato che si è venuto a creare giocando da troppo tempo sulla condizione dei cittadini stessi, che oggi si vedono schiavi dei soliti interessi privati a beneficio di pochi; interessi che umiliano l’intelligenza di tanti.

Quest’analisi sintetica non vuole alimentare polemiche, ma affermare la mia scelta di farmi testimone e condividere il progetto politico di gente nuova non responsabile del declino e decisa a lavorare per il bene comune; ma anche di quella parte di popolazione che ieri è stata costretta ad andare via, e oggi sente di nuovo le stesse promesse di posti di lavoro e di aperture di ospedali da parte di chi avrebbe potuto farlo con iniziative politiche o anche imprenditoriali, per evitare quelle partenze o la perdita di servizi fondamentali. Quando, invece, ragazzi come quelli dell’associazione Le Lampare hanno lottato duramente per difendere i diritti di un intero territorio.

Ho negli occhi le facce rassegnate di molti concittadini allo stremo delle forze, perché colpiti dalla crisi e dalle cose che non vanno, e le loro parole: ”Sempre gli stessi”,”Si sono mangiati Cariati”, “Alle prossime elezioni guai chi si avvicina per voti”.

Ora invece, per queste elezioni, si sono fatte le ammucchiate o si vendono illusioni giocando sui bisogni solo per contare i voti delle famiglie e per avere la fascia da Sindaco al petto. Troppo facile e troppo umiliante cosi! Cariati è una nave affondata ed ora tutti insieme dobbiamo scendere sott’acqua e tirarla su con tutte le nostre forze, perché, è bene ribadirlo, la nostra cittadina non ha bisogno dell’illusione di mille posti di lavoro e tantomeno di “un Sindaco”. Cariati ha semplicemente bisogno di dignita’!

Vittorio Tosto, cittadino Cariatese e testimone di una nuova Cariati Pulita.

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta