VIETATO RAGGIUNGERE LA STAZIONE FS

VIETATO RAGGIUNGERE LA STAZIONE FS 2 BUS BLOCCANO OGNI GIORNO VIALE DE ROSIS E A SAN NILO CONTINUA A MANCARE L’ACQUA Rossano, Mercoledì 7 Aprile 2010 – Vietato raggiungere la stazione ferroviaria per chi viene da Viale Luca De Rosis a Rossano Scalo. L’impresa diventa possibile a due sole condizioni: 1) obbligando gli automobilisti a violare pericolosamente il codice della strada; 2) oppure costringendo i pedoni, in procinto di raggiungere il proprio treno, a districarsi, altrettanto pericolosamente, a vere e proprie gimcane tra valige a terra, astanti in comode discussioni con tanto di sigaretta in mano e macchine di accompagnatori parcheggiate negli unici spazi liberi rimasti a disposizione tutt’attorno. E’, questo, lo scenario caotico e di autentica arroganza stradale, per non usare altri termini, che ogni santo giorno, intorno alle ore 14, si presenta nei pressi del piazzale-bivio al termine di Viale Luca DE ROSIS, esattamente all’ingresso della stazione ferroviaria. L’accesso viene reso impraticabile e pericoloso, infatti, dalla sistematica sosta selvaggia, prolungata e probabilmente non consentita con quelle modalità, di due autobus del trasporto interregionale. – Il disagio e la situazione di grave pericolo viene determinata ogni giorno, più o meno sempre alla stessa ora e nello stesso punto. La stretta piazzola che, teoricamente, dovrebbe servire soltanto da normale bivio per regolare ed ordinare il traffico veicolare tra quanti, provenienti da nord, dovrebbero deviare a destra per raggiungere la stazione FS e quanti, al contrario, provenienti dalla stazione FS dovrebbero proseguire in direzione Viale dei Normanni, diventa una arena circense di dibattito pubblico; un vero e proprio angolo relax in mezzo ad una curva, delimitato a destra ed a sinistra, da quei due autobus parcheggiati sulla strada, non in presenza di fermata indicata né di pensilina ed in modo tale da impedire il regolare andamento e l’accesso al piazzale Stazione. – Basta osservare le FOTO SCATTATE OGGI, ALLEGATE ALLA PRESENTE DENUNCIA PUBBLICA, per rendersi conto della vergognosa situazione nella quale viene costretto, ogni giorno, impunemente, l’utente della strada ed i tanti pendolari. – L’auspicio è che quanti hanno competenze in merito, a diverso titolo, trattandosi tra l’altro di mezzi di trasporto pubblico locale, possano intervenire e porre rimedio ad una situazione divenuta oltremodo intollerabile. MANCA L’ACQUA NEL CUORE DEL CENTRO STORICO. VIETATO SAPERE. – Il cittadino e contribuente non deve essere informato né prevenuto. E, dunque, oltre a subire il danno ed il disagio, ormai reiterato da mesi, chi ha deciso di abitare e lavorare nella parte alta di Rossano deve continuare a subire una situazione oggettivamente incomprensibile. E’ quanto continua a capitare in Via San Nilo, dove con l’inizio del mese di Aprile, forse per manovre misteriose, è ripresa a mancare, ogni giorno, in serata, l’erogazione idrica nella abitazioni. – A dire il vero, come è stato già denunciato in altre occasioni, l’erogazione idrica in questa zona, tra quelle incluse nella tanto conclamata Zona Franca Urbana, continua a subire, ininterrottamente, un andamento per nulla regolare. D’estate la situazione peggiora, con interruzioni improvvise e prolungate anche per oltre 36 ore, così come è capitato. Quest’anno tuttavia, con la Primavera, le interruzioni serali-notturne, sistematicamente senza alcun preavviso da parte del Comune di Rossano, sono iniziate con largo anticipo. – Le domande che continuano a porsi i cittadini erano e restano due: 1) si può parlare di pur ipotetici vantaggi connessi alla Zona Franca Urbana, di cui anche Via San Nilo dovrebbe far parte integrante, se manca addirittura un bene essenziale come l’acqua; 2) in ogni caso, per quale misteriosa ragione, gli uffici comunali competenti continuano a preferire il silenzio e l’omissione di comunicazione istituzionale, rispetto ad un servizio e ad un disagio così importante, sempre che gli stessi siano informati o meno del ripetersi odioso di questa circostanza?

Print Friendly, PDF & Email

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia una risposta